Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2010

La pedagogia della mediazione.

"Tutti gli uomini per loro stessa natura desiderano imparare."
Aristotele

I primi studi sull'apprendimento umano risalgono agli inizi del 1900. Proprio in quel periodo furono studiate le finalità del pensiero: " il fine del pensiero è giudicare l'azione e l'effetto di un'idea è più importante della sua  causa". La psicologia affrontò il tema dell'apprendimento con il comportamentismo. Secondo questa corrente psicologica l'uomo avrebbe dovuto essere principalmente un organismo biologico, che si sarebbe adattato all'ambiente di vita, quindi l'apprendimento avrebbe avuto essezialmente una funzione adattiva. Il soggetto avrebbe risposto passivamente agli stimoli ambientali, secondo una formula meccanica, che esprimeva che ad ogni Stimolo sarebbe corrisposta una Risposta.


S - R
Anche la corrente di pensiero Gestaltista si interessò al tema dell'apprendimento, sostenendo che questo fosse un'intuizione dell'individuo che coglie  un…

Giornata Mondiale sui Diritti dell'Infanzia.

Il 20 novembre del 1989 l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, approvò la Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia. In base ai punti sanciti nella convenzione, il bambino non è più solo oggetto di tutela, ma è soggetto di diritti quali: il diritto alla vita, alla tutela sanitaria, il diritto ad esprimere la propria opinione e ad essere informato, il diritto al nome, alla nazionalità, all'istruzione, al gioco e alla tutela da tutte le forme di sfruttamento ed abuso.

In omaggio all'Infanzia, vi invito alla lettura della poesia di Loris Malaguzzi:

Invece il cento c'è.
Il bambino
è fatto di cento.
Il bambino ha
cento lingue
cento mani
cento pensieri
cento modi di pensare
di giocare e di parlare
cento sempre cento
modi di ascoltare
di stupire di amare
cento allegrie
per cantare e capire
cento mondi
da scoprire
cento mondi
da inventare
cento mondi
da sognare.
Il bambino ha
cento lingue
(e poi cento cento cento)
ma gliene rubano novantanove.
La scuola e…

Associazione Missione Autismo

L'Associazione Missione Autismo, è costituita  da genitori con figli autistici ed è responsabille del sito: www.amaautismo.altavista.org , dove sono pubblicate testimonianze, articoli, corsi di formazione e attività.
Una recente iniziativa in vista della fine dell'anno è la creazione di un calendario.
Quella che segue è la lettera di presentazione di Paola Bombaci, presidente dell'Associazione AMA.
"I calendari dell'Associazione Missione Autismo sono pronti. Perchè acquistarli: 1. per sensiblizzare e sensibilizzare gli altri sulle problematiche dell'autismo, guardandolo attraverso gli occhi dei nostri meravigliosi figli 2. per aiutare questa associazione di genitori a creare qualcosa per il presente ed il futuro dei nostri figli, perchè siamo nel TERZO MONDO dei servizi: i nostri figli NON HANNO CENTRI SPECIALIZZATI IN CUI FARE TERAPIA i nostri figli hanno una patologia CHE POCHI SANNO TRATTARE E TANTI CON IGNORANZA SI PERMETTONO DI …

Apprendimento ed emozioni.

"S'impara soltanto divertendosi." Anatole France, Il delitto di Sylvestre Bonnard, 1881
Per alcuni studenti l'apprendimento è spesso fonte di noia o di ansia, che non sono gli stati d'animo migliori per imparare con successo e trovare piacevole quanto si deve fare. Mihaly Csikszentmihalyi, psicologo, definisce col nome di flusso lo stato emotivo in cui si ottengono le migliori prestazioni in ambito sportivo, scolastico, artistico. E'la situazione in cui le emozioni sono canalizzate, energizzanti ed il soggetto si cimenta con "compiti"che assorbono completamente il proprio interesse, provando piacere, non preoccupandosi più dalla prestrazione, ma trovando la motivazione in quello che sta facendo, è un momento di totale dedizione al compito. Il flusso è ragiungibile con maggior facilità, quando la persona svolge attività che non risultano essere eccessivamente banali da causare noia, ma nemmeno così complesse da determinare ansia.  Gardner, lo psicologo …

Gioco e creatività.

Le giornate invernali sono lunghe e tediose, ancor di più per i bambini "costretti" dalla pioggia  tra le mura domestiche o all'interno di strutture educative, quindi è importante proporre loro attività divertenti e costruttive, affinchè attraverso il gioco possano sperimentare situazioni sociali, esercitare la cognizione, sviluppare la creatività, la manualità e tanto altro.
Una  proposta è quella di "giocare al mercato". Per fare questo gioco servono: un banco per esporre la merce, oggetti da venderere, contenitori o scatole e i soldi. Però il mercato-gioco dei vostri bimbi dovrà essere un mercato speciale, perchè dovranno essere proprio loro con la vostra guida, mai eccessivamente intrusiva (nel rispetto della loro creatività ed individualità), a costruire quanto serve.


Il banco delle vendite: potrebbe essere il tavolo della scrivania, il piano di un baule, il dorso di robusti scatoloni, sui quali riporrete una tovaglia o uno strofinaccio.

La merce: la creaz…

La dislessia tra i banchi del liceo.

Vorrei sottoporre alla Vostra attenzione la lettera di una mamma, pubblicata sul Corriere della Sera in data 13/11/2010 e la risposta di Isabella Bossi Fedrigotti.

"Gentilissima signora Fedrigotti, possiamo accantonare per un momento le piste ciclabili, gli scavi interminabili dei parcheggi, le ruote panoramiche, per parlare nuovamente del disagio di alunni portatori di Dsa? Nella nostra bella Milano, nei nostri rinomati licei quale è il prezzo da pagare per chi ha la sfortuna di essere dislessico conclamato? Il prezzo è quello che ragazzi normo intelligenti sono costretti a pagare perché non sono accettati da professori che non vogliono sentire parlare di dislessia poiché per loro è un intralcio. Si liquidano i genitori dicendo che il liceo «tal de' tali» ha obiettivi alti e quindi il figliolo è tagliato fuori, meglio che cerchi un altro indirizzo o un altro istituto. Dandogli praticamente del deficiente, non applicano le norme compensative (dicendo di averlo fatto…

Filastrocca della sera.

Filastrocca della sera, l' uomo recita la preghiera, il lupo ulula alla luna l'avaro conta la fortuna.
Filastrocca della sera, dedicata ad ogni bandiera, la Luna veglia la Terra illuminando colui che erra.
Filastrocca della sera, fa paura a chi dispera, quando il gufo sta sul ramo la vecchia cessa il suo ricamo.
Filastrocca della sera, attesa dai giovani di quest'era, a Bagdad scoppia la bomba, ma nel night club si balla la samba.
Filastrocca della sera, si consuma la candela, mentre ruota il Pianeta il bimbo sogna la Cometa.
Nadia Scarnecchia

12 novembre 2010: porte chiuse, luci accese sulla cultura.

"La cultura rende un popolo facile da guidare, ma difficile da trascinare; facile da governare, ma impossibile a ridursi in schiavitù." Henry Brougham
Il 12 novembre 2010 avrà luogo la mobilitazione nazionale a difesa del diritto alla cultura, promossa da Federculture, la federazione delle aziende dei servizi pubblici locali e da ANCI, Associazione Nazionale Comuni Italiani, con il sostegno del FAI, Fondo Ambiente Italiano. La mobilitazione intende sensibilizzare e protestare contro i consistenti tagli e le manovre che ostacoleranno le politiche culturali locali e nazionali. Aderiranno alla giornata biblioteche, musei, siti archeologici, strutture culturali e dello spettacolo, parchi e riserve naturali. Questo blog si fa sostenitore della protesta.


Se (Lettera al figlio, 1910). R. Kippling

Educare (dal latino ex-ducere: tirare fuori) è un atto complesso, bisogna tener conto di molte variabili e le sfumature apparentemente insignificanti possono fare la differenza. Non è facile insegnare a distinguere il bene dal male, anche perchè tal volta la differenza non è così evidente e lo è ancor meno per i bambini o per gli adolescenti .
Per riflettere sull'importanza dell'educazione come strumento per rendere l'individuo un adulto indipendente, libero, con un locus of control interno, capace di mantenere i propri obbiettivi e ideali anche nelle difficoltà, rispettoso degli altri e di sè stesso, vorrei condividere con voi il testo della poesia: "Se" di Rudyard Kippling, premio Nobel per la letteratura con origini britanniche, vissuto a cavallo tra '800-'900; autore sensibile ai temi dell'infanzia anche a causa di esperienze personali.

Se (Lettera al figlio, 1910)Se riesci a conservare il controllo quando tutti
Intorno a te lo perdono e te ne fan…

Chi pensa?

"Cogito ergo sum." Cartesio
Nei post precedenti si è parlato spesso di metacognizione e di potenziamento cognitivo, ma chi è il soggetto di queste attività? Il protagonista dei cambiamenti strutturali di cui si è parlato sino ad ora è il cervello umano, l'organo più complesso e misterioso che si conosca, da cui dipendono i movimenti volontari ed involontari, l'attività dei cinque sensi, la memoria, la comprensione e le emozioni.  Contenuto nella scatola cranica, in esso possiamo distinguere molte aree tra cui due aree principali: la corteccia, più esterna dove risiedono le strutture atte alla cognizione e l'area subcorticale, collocata all'interno della corteccia nella parte superiore della colonna vertebrale, atta al controllo delle funzioni biologiche e dei comportamenti istintivi. La corteccia, per l'importanza delle sue funzioni occupa una porzione molto estesa del cervello e si sviluppa principalmente dopo la nascita, è divisa in più aree, da ciascu…

Tutti a bordo - dislessia!!!

"Il solo vero errore è quello dal quale non si impara nulla" John Enoch Powell

Abbiamo già avuto modo di affrontare il tema dei disturbi specifici dell'apprendimento, coscienti di quanto queste difficoltà possano rendere sgradevole il percorso  scolastico  e quanto minino l'autostima di studenti, che con adeguati strumenti dispensativi e compensativi, sostenuti con sensibilità e consapevolezza da familiari e docenti, potrebbero intraprendere un cammino meno arduo coronando sogni e godendo dei traguardi raggiunti.
Proprio per questa ragione vorrei presentarVi il Blog: " Tutti a bordo - dislessia" ( http://tuttiabordo-dislessia.blogspot.com/ ), gestito con passione da due docenti di lettere: Francesca Storace ed Annapaola Capuano, Referenti per Dilessia e Disturbi Specifici dell'Apprendimento, socie dell'Associazione Italiana Dislessia, applicatrici del Metodo Feuerstein.
Il Blog non è destinato solo a  chi si occupa di D.S.A., ma è rivolto a tutti, …

Maga Sofia.

Questa qui è maga Sofia che farà una magia, se la incontri per la via, presto, svelta, scappa via!
Lei si aggira per il mondo con il viso buffo e tondo pare quasi un mappamondo se si arrabbia è il finimondo.
Tu non devi far la spia che si vendica Sofia, poi compiendo una magia ti trasforma in arpia.
Ha la sua filosofia e non dice una bugia, la sua vita è la magia ed è piena di energia.
Lei ha un bel gattone che si chiama Gedeone è un grosso fannullone assai ghiotto di polpettone.
Se non sei maga Sofia e non hai la magia se tu vuoi scappar via cerca e usa la fantasia.
Nadia Scarnecchia