mercoledì 21 dicembre 2011

BUON NATALE E SERENO 2012!


Auguro a tutti Voi BUONE FESTE, dedicandoVi una bella filastrocca di Gianni Rodari.



IL MAGO DI NATALE.




S'io fossi il mago di Natale

farei spuntare un albero di Natale

in ogni casa, in ogni appartamento

dalle piastrelle del pavimento,

ma non l'alberello finto,

di plastica, dipinto

che vendono adesso all'Upim:

un vero abete, un pino di montagna,

con un po' di vento vero

impigliato tra i rami,

che mandi profumo di resina

in tutte le camere,

e sui rami i magici frutti: regali per tutti.

Poi con la mia bacchetta me ne andrei

a fare magie

per tutte le vie.

In via Nazionale

farei crescere un albero di Natale

carico di bambole

d'ogni qualità,

che chiudono gli occhi

e chiamano papà,

camminano da sole,

ballano il rock an'roll

e fanno le capriole.

Chi le vuole, le prende:

gratis, s'intende.

In piazza San Cosimato

faccio crescere l'albero

del cioccolato;

in via del Tritone

l'albero del panettone

in viale Buozzi

l'albero dei maritozzi,

e in largo di Santa Susanna

quello dei maritozzi con la panna.

Continuiamo la passeggiata?

La magia è appena cominciata:

dobbiamo scegliere il posto

all'albero dei trenini:

va bene piazza Mazzini?

Quello degli aeroplani

lo faccio in via dei Campani.

Ogni strada avrà un albero speciale

e il giorno di Natale

i bimbi faranno

il giro di Roma

a prendersi quel che vorranno.

Per ogni giocattolo

colto dal suo ramo

ne spunterà un altro

dello stesso modello

o anche più bello.

Per i grandi invece ci sarà

magari in via Condotti

l'albero delle scarpe e dei cappotti.

Tutto questo farei se fossi un mago.

Però non lo sono

che posso fare?

Non ho che auguri da regalare:

di auguri ne ho tanti,

scegliete quelli che volete,

prendeteli tutti quanti.






I vantaggi dell'asilo nido: una risorsa educativa.

Fotografia di Anne Geddes.


"In Italia, si investono poche risorse pubbliche nella prima fase del ciclo di vita dei bambini, con un'offerta di nidi tra le più basse d'Europa. Insoddisfacenti sono anche i risultati ottenuti dai ragazzi italiani nelle rilevazioni internazionali su apprendimenti e competenze. C'è un legame tra i due fatti? I bambini che hanno avuto una probabilità più alta di frequentare l'asilo nido, hanno punteggi migliori. Perché socializzazione precoce, rapporto educativo con personale specializzato, stimoli offerti da nidi di qualità sono fondamentali per lo sviluppo." (tratto dall'articolo di: Daniela Del Boca, Silvia Pasqua e Chiara Pronzato) 

Cari Lettori,
vorrei proporVi un articolo riguardante i benefici della frequentazione dell'asilo nido, come spunto di  dibattito e confronto.
L'articolo in questione è stato pubblicato su "Lavoce" in data 15.12.2011:  http://www.lavoce.info/articoli/pagina1002739.html

Personalmente trovo l'articolo d'interesse e condivido quanto scritto, se il nido è di qualità (quindi non un semplice ente di custodia ed i piccoli vengono opportunamente seguiti e con loro le famiglie di appartenenza) sono convinta sia un'importante risorsa, perchè offre agl' infanti opportunità e stimoli difficilmente ralizzabili nel contesto domestico_ da non dimenticare che da 0 a 3 anni c'è il massimo di produzione neuronale e i percorsi sinaptici più "battuti" sono quelli che si cristallizzano_  offre opportunità di socializzazione tra pari e di relazione con le figure adulte di riferimento che i bimbi difficilmente avrebbero in ambiente domestico. Mi intristiscono un pò i commenti, perchè forse tendono a banalizzare il ruolo del nido, percependolo più come un servizio per le famiglie che come una reale struttura educativa; spesso c'è la credenza che il genitore sia "infallibile" e quindi il meglio in assoluto per il bimbo. Il genitore è la miglior opportunità di crescita per un bimbo perchè l'affettività è determinante per lo sviluppo cognitivo, affettivo e relazionale, ma in quanto persona e poichè non nasce genitore, può non fare sempre il meglio (sebbene sia nelle sue intenzioni) e un buon nido può essere per la famiglia stessa un punto di riferimento, un luogo di confronto con le altre famiglie e una risorsa a 360°.


Mi farebbe piacere leggere i Vostri punti di vista e le vostre esperienze, come educatori, genitori, nonni o ex bambini frequentanti l'asilo nido!

mercoledì 14 dicembre 2011

Natale, carta e creatività!

Illustrazione realizzata dall'artista Aris: http://blog-aris-blog.blogspot.com/


"La creatività non si trasmette. Ma ognuno, incontrando l'occasione di poterla sperimentare, può accendersene."
Danilo Dolci

Il Natale è alle porte: tempo di addobbi e di decori. In tempo di crisi, le decorazioni natalizie possono divenire l'occasione per esercitare la creatività, trasformando con fantasia i materiali che abbiamo quotidianamente a disposizione.
Il pensiero creativo, come tutte le altre forme di pensiero, può essere esercitato e potenziato attraverso l'esercizio e la sperimentazione. In questo caso il Natale offre l'opportunità di esercitare una creatività che si manifesta attraverso l'uso delle mani e la manipolazine di materiali. Attraverso l'atto creativo ognuno può imprimere il proprio segno nella materia, ogni piccolo lavoro sarà differente da quello del compagno, perchè espressione della propria personalità.

I lavoretti che sto per proporvi sono fatti con carta, cartoncino, riviste e spago, materiali facilmente reperibli e non dispendiosi.

Albero di Natale fatto con una rivista e decorato con una stella cometa disegnata su cartoncino giallo, ritagliata, quindi forata con la buccellatrice ed appesa al vertice dell'"albero" con spago da cucina; la cometa può essere decorata con brillantini o pennarelli d'oro e d'argento.

Albero di Natale con stella cometa.



Le istruzioni per creare questo simpatico alberello (insieme a tante altre idee per il Natale e non solo) sono tratte da un interessantissimo sito che affronta il tema del riciclo creativo: http://www.ioricreo.org/2010/12/albero-di-natale-giornale/ 



 Un'altra simpatica idea da realizzare insieme ai bimbi per adornare la casa o l'aula di scuola è una stella di Natale da costruire con carta o cartoncino di forma quadrata e spillatrice.

Stella di Natale


Stella di Natale appesa con spago al lampadario, per addobbare la sala
.
Per dare forma a questa stella servono sei fogli di cartoncino di forma quadrata, forbici e spillatrice. Per poterla appendere occorre praticare un foro alla sommità di una punta (con la buccellatrice) e quindi infilare uno spago o un grazioso nastrino. La stella ha una migliore resa se creata con cartoncino di colore rosso. Le istruzioni per creare la stella sono reperibili nel link:http://paneamoreecreativita.it/blog/2009/11/come-fare-una-stella-di-natale/ dove il materiale usato non è il cartoncino, ma il feltro.



Sempre con cartoncino, forbici e spillatrice è possibile creare una semplice decorazione da appendere all'albero di Natale o all'uscio di casa (a seconda delle dimensioni del cartoncino utilizzato). Si deve seguire il medesimo procedimento necessario a realizzare una delle punte della stella di Natale. Quando la "punta" è terminata, si pratica un foro alla sommità di questa e vi si infila dello spago o un nastro colorato. Ecco il risultato:

Decorazione.

Buon divertimento a grandi e piccini! :)

sabato 10 dicembre 2011

Pulce e bassotto.

Bassotto nano.

Pu pu pu
ba ba ba
la lallero lero là.

C'è una pulce sul fagotto:
ha smarrito il suo bassotto.
Il bassotto se n'è andato
dal padrone è ritornato?

Il bassotto ch'è sbadato
dentro un fosso è cascato.
La sua pulce innamorata
dentro il cuore è tormentata.

Vede un cane con un osso,
che s'aggira presso un fosso.
Dentro il fosso ficca il naso:
il suo bassotto ha ritrovato!

Pu pu pu
ba ba ba
la lallero lero là.

Nadia Scarnecchia

Creatività d'autunno: l'uva.

  G. ama molto creare, fare l'attività, come dice lei. Io sono ben felice di proporle spunti, sebbene confesso che per m...