Passa ai contenuti principali

Chi pensa?

L'illustrazione è "Diritto al pensiero" di Francesca Salucci.



"Cogito ergo sum." Cartesio

Nei post precedenti si è parlato spesso di metacognizione e di potenziamento cognitivo, ma chi è il soggetto di queste attività? Il protagonista dei cambiamenti strutturali di cui si è parlato sino ad ora è il cervello umano, l'organo più complesso e misterioso che si conosca, da cui dipendono i movimenti volontari ed involontari, l'attività dei cinque sensi, la memoria, la comprensione e le emozioni. 
Contenuto nella scatola cranica, in esso possiamo distinguere molte aree tra cui due aree principali: la corteccia, più esterna dove risiedono le strutture atte alla cognizione e l'area subcorticale, collocata all'interno della corteccia nella parte superiore della colonna vertebrale, atta al controllo delle funzioni biologiche e dei comportamenti istintivi. La corteccia, per l'importanza delle sue funzioni occupa una porzione molto estesa del cervello e si sviluppa principalmente dopo la nascita, è divisa in più aree, da ciascuna delle  quali dipendono diverse funzioni cognitive, ciò implica che il cervello è sede di specializzazioni funzionali.
Il cervello è costituito da cellule nervose: i neuroni, intorno ai quali c'è la nevroglia, cioè quell'insieme di cellule del tessuto nervoso che occupano gli spazi tra neuroni e vasi sanguigni, ha funzione trofica e di sostegno e nell'ambito del tessuto nervoso adempie le funzioni che il connettivo svolge nei confronti di tutti gli altri tessuti. 

Il neurone.

I neuroni (ne esistono di diversi tipi), sono costituiti da un corpo centrale (detto soma), all'interno del quale si trova il nucleo contenente il D.N.A., dal corpo cellulare si diramano i dentriti, neuro-recettori che ricevono i segnali in arrivo; dal soma prosegue un lungo filamento, l'assone (rivestito di mielina) che conduce i messaggi in uscita e dala sua base si estendono i neuriti. Il punto d'incontro tra neuriti e dentriti di due cellule adiacenti si chiama sinapsi, o meglio connessione sinaptica.  
All'interno del singolo neurone la trasmissione delle informazioni avviene mediante impulsi elettrici, mentre le informazioni tra neuroni adiacenti passano attraverso il rilascio di neurotrasmettitori.
L'informazione che attraversa un elevato numero di sinapsi crea un "sentiero neuronale", al ripetersi della medesima esperienza l'informazione ripercorrelo stesso sentiero, questo processo detto facilitazione è alla base della memoria e dell'apprendimento. Per questi due fenomeni è stata rilevata l'importanza dell'ippocampo, appartenente al sistema limbico, in cui le sinapsi sono caratterizzate da maggior plasticità, cioè dalla continua capacità del cervello di plasmare se stesso.
La plasticita cerebrale, è la più grande risorsa umana, ragione per cui la genetica non può avere l'ultima parola nel determinare le capacità di apprendimento di un individuo e nucleo teorico sul quale si fondano le metodologie metacognitive.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…