Passa ai contenuti principali

Attività per i piccolissimi: proviamo a guardare oltre l'apparenza.


Colori a dita, copyright NadiaScarnecchia@



In queste settimane la mia piccola Giulia (8 mesi e mezzo), a casa e nei pomeriggi in cui frequentiamo il nido aperto, è stata coinvolta nelle tipiche attività che vengono proposte ai bambini in un periodo orientativamente compreso tra i 6 mesi e i due anni e mezzo. Per citare alcuni esempi, faccio riferimento: ai travasi con la farina di polenta, alla possibilità di tracciare su un banco ricoperto con questa farina, al gioco dello strappo, alle esperienze con i colori a dita, alla possibilità di produrre suoni con semplici strumenti o scuotendo scatoline sonore e bottiglie sonore.

Spesso queste esperienze vengono percepite come "semplici" attività per intrattenere e divertire i bimbi piccoli. Certo il divertimento è un obiettivo trasversale: l'apprendimento è legato all'emotività e questo principio non fa eccezione per i lattanti o per i bambini in fascia 0 - 3. Provocatoriamente sostengo che anche il tema d'italiano dovrebbe esser vissuto come un'esperienza divertente e affascinante: la possibilità di comunicare i propri pensieri, le proprie idee e l'orgoglio di sapere che una persona (il docente) deve necessariamente dedicare del tempo a decodificare quanto lo studente ha voluto trasmettere e magari ci rifletterà! 

Scatoline sonore, copyright NadiaScarnecchia@

Parlando delle attività per la prima infanzia vorrei sottolineare, che sono rivolte a stimolare i cinque sensi, ossia il canale attraverso il quale tutti e a maggior  ragione i bimbi in fase senso-motoria apprendono. Le esperienze per i piccolissimi sono principalmente rivolte a stimolare: tatto, udito, vista, gusto ed olfatto. Tali attività sono veicolate dal movimeno: toccare, prendere, mettere dentro, portar fuori, tirare, scuotere.

Travasi, copyright NadiaScarnecchia@

 Un bambino piccolo coinvolto in attività di travaso, strappo, colori a dita o in altre esperienze di gioco/apprendimento è impegnato in un compito non meno serio ed importante di un liceale che svolge la versione di latino o calcola derivate. Forse l'unica differenza è nel sorriso e nell'interesse, che sul volto dei piccolissimi è ancora presente, perchè il piccolo è libero dal sentirsi giudicato, dalla pressione sociale e da uno stile d'apprendimento che ancora troppo spesso stimola la competizione e non la cooperazione ( se non sono gli insegnanti, spesso sono i genitori che affliggono i figli con la sindrome da "primo della classe".) 

Strappo, copyright NadiaScarnecchia@

Quello che vorrei sottolineare che un gioco in apparenza banale come lo strappo insegna ai bambini che ci sono differenti tipi di carta (confronto), a usare le dita della mano (coordinazione), rinforzarle, a migliorare l'uso di pollice ed indice, a dosare la forza e controllare l'impulsività, perchè con la calma è più semlice strappare!

Tra i giochi  che possono essere proposti ai piccoli c'è quello delle sagome ad incastro:un bellissimo approccio alla percezione analitica! Giocando con gli incastri si allena la percezione, l'orientamento spaziale, la precisione ed accuratezza nella raccolta dati, l'uso simultaneo di più fonti d'informazione, l'eslporazione sistematica. I bambini devono iniziare a distinguere i dati rilevanti, da quelli meno importanti, pianificare, confrontare e contenere l'impulsività. Questo semplice gioco per bambini, fatto da sagome di legno, stimola (se pur richiedendo meno complessità e capacità d'astrazione) le funzioni cognitive che saranno necessarie per l'apprendimento della matematica e del disegno tecnico.

Quindi fate giocare i vostri bambini solo per gioco, ma siate consapevoli che i bambini stanno sviluppano abilità necessarie ad apprendimenti di ordine superiore: non è banale!

Commenti

  1. Veramente interessante, grazie per questo post! :) Mahée Ferlini

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…