Passa ai contenuti principali

Bambini e animali: piccoli amici!




Sfogliando le pagine della memoria, mi tornano alla mente alcune immagini d'infanzia. Tra queste alcune legano significativi momenti della mia esistenza a piccoli amici pelosi: ricordo i gatti di zia Romana arrampicati negli spazi più angusti ed elevati o nascosti nelle scatole delle scarpe e mi sovviene il miagolio stridulo della mia gatta Funny. Non dimentico quando nonna Peppa ed io trovammo una chiocciola tra l'insalata e decidemmo di nutrirla con una croccante foglia di lattuga!


Non è raro vedere un bimbo che cerca timoroso di accarezzare un gatto o che domanda ai genitori di regalargli un cucciolo da portare a spasso!

Un animaletto può essere un prezioso compagno per i fanciulli: attraverso questo i bambini più o meno grandi possono imparare il valore del prendersi cura. La presenza di un peloso tra le mura domestiche può offrire interessanti spunti per affrontare temi importanti come la riproduzione, il rispetto della natura o temi tristi come la morte.

Al tema degli animali domestici, talvolta è legato il crudele fenomeno dell'abbandono. Per questa ragione trovo interessante informarvi di quanto alcuni volontari di Furettomania Onlus (associazione senza scopi di lucro che si occupa di recuperare e curare i furetti abbandonati e trovar loro una nuova casa) hanno attuato insieme ad A.N.P.A.N.A. (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente).

Una legge permette a diversi Enti per la protezione animali di entrare nelle scuole per fare informazione, così ANPANA ha presentato un interessante progetto per far conoscere ai bimbi gli animali parlando di cani, cavalli, ricci e furetti, portando alcuni “pelosetti” nelle classi e affrontando il tema dell'abbandono.


Una delle volontarie, Cristina Avvignano, racconta: Sempre grazie a questo progetto dell’ANPANA Novara il mio furetto Damien ed io, ci siamo trovati a scuola a fare lezione nelle classi elementari e addirittura alla scuola materna di Cureggio, ridente paesino del novarese. Anche qui, con il nostro furetto da colorare abbiamo fatto faville! Qui a scuola tutti i disegni sono stati raccolti, rilegati insieme e regalati alla classe come ricordo di questa esperienza, insieme alla tessera di “piccola Guardia”.”


Immagine concessa da Furettomania Onlus@
Immagine concessa da Furettomania Onlus@

Grazie a questo progetto FurettoMania Onlus può entrare nelle scuole insieme ai morbidi furetti, far sorridere i bambini e offrire tante informazioni ai più piccoli, che sono il Nostro futuro!


Qualora siate interessati ad eventi informativi nelle scuole del Piemonte potete contattare:


Cristina Avvignano 347/8239230 - 338/2781963 cristina.avvignano@furettomania.com
Immagine concessa da Furettomania Onlus@




Commenti

  1. Bello! Anch'io penso sia importantissimo per i bambini avere un animaletto: li arricchisce di una sensibilità maggiore secondo me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questa testimonianza di mamma. Sì, quando è possibile tenerlo può veramente essere una risorsa ed una compagnia!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Le Alpi (Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù).

Quando frequentavo la scuola elementare (molti anni or sono, aimè!) la maestra ci insegnò una buffa frase, per ricordare il nome delle Alpi: Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù.


Per divertirmi un pò, ho inventato questa filastrocca, dedicata a tutti i bimbi che stanno imparando a conoscere queste splendide montagne!



Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ma che freddo fa qua sù, qua su per la montagna è più fresco che in campagna!
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: un giro per le Alpi farai tu, non le scorderai mai, mai ora che il nome imparerai.
Marittime, non dimenticare, son le Alpi vicino al mare. Cozie, dal buffo nome gli abitanti mangian tome.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ora tu ne sai di più. Gaie e Pennine, da ricordare ci puoi andare a sciare.
Lepontine, alti monti per i laghi sono le fonti. Retiche, fresche montagne puoi raccoglier le castagne.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: per le Alpi viaggi tu. Carniche: Alpi Orientali per praticar sport invernali.
Giulie, dallo splendido nome fanno appassionar molte persone. …