Passa ai contenuti principali

Una fattoria didattica a Torino.

"Giulio coniglio e Gelsomina", illustrazione di Nicoletta Costa

Negli ultimi anni, il panorama educativo italiano, è stato arricchito da una nuova opportunità: la fattoria didattica, si tratta di un'azienda agricola strutturata in maniera da poter accogliere scolaresche, gruppi e famiglie. Offre la possibilità di conoscere alcuni aspetti del mondo rurale, della vita degli animali e dei vegetali, del lavoro del contadino e dell'allevatore, diventando quindi un luogo di educazione ambientale consapevole.
La fattoria è caratterizzata da una didattica attiva, ricca di momenti di condivisione: i laboratori consentono di arricchire i programmi scolastici con ulteriori contenuti ed esperienze concrete.
All'interno del territorio Piemontese e nella Provincia di Torino, non mancano esperienze di questo tipo. La Regione ha stabilito precisi requisiti relativi alla sicurezza, alle norme igienico-sanitarie, alla formazione degli operatori e alla didattica, che devono essere rispettati per poter essere inseriti nell'elenco regionale delle fattorie didattiche piemontesi. (Per ulteriori informazioni, consultare: http://www.regione.piemonte.it/agri/edu_aliment/attivita/fattorie.htm
Non lontano dal cuore di Torino e immersa nel Parco Pubblico del Nobile, possiamo trovare una  fattoria  didattica: la Fattoria Propolis,  luogo di educazione ambientale, di laboratori, corsi, rassegne per i più piccoli e non solo.  (Per conoscere la fattoria e la galleria di eventi in programma, consultare: http://www.fattoriapropolis.it/wp/?cat=22 )

Commenti

  1. segnata, ma ci sei stata? propongono attività interessanti e fatte bene?

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ciao CioccoMamma! In realtà...non ci sono stata, ma seguo i loro eventi attraverso il sito e il gruppo FB con una certa curiosità ed "acquolina", perchè mi sembrano interessanti. In concreto non so dirti, perchè non avendo bimbi veramente "miei" (i bimbi di cui a volte parlo sono quelli di cui sono l'educatrice), non ho potuto sperimentare. Se avessi bambini comunque proverei ad approfittare degli eventi proposti in giorni festivi, per un'esperienza di condivisione con tutta la famiglia. La fattoria didattica è una realtà educativa che mi ha sempre affascinata, perchè mi piace che adulti e bimbi possano conoscere e apprendere o rivivere insieme cose che in questa società sono diventate un pò aliene. Purtroppo è più probabile che alcuni bimbi di città abbiano avuto occasione di osservare bene e descrivere un'automobile piuttosto che un asinello o come si prepara una marmellata.
    Se clicchi sul link del sito che ho postato (quello relativo alla regione Piemonte, puoi trovare diverse proposte di fattoria didattica).
    A presto. Nadia :)

    RispondiElimina
  4. http://farmserenitycow.blogspot.com/p/noi-siamo-qui.html questa noi l'abbiamo in programma per la primavera

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…