Passa ai contenuti principali

L'educazione creatrice di Arno Stern: dalla traccia alla libertà di essere...


« Felice come un bambino che dipinge... Perché l'atto di tracciare fa parte delle necessità fondamentali dell'essere umano e la predisposizione a quell'atto esiste in ognuno di noi. Il compierlo ci offre un piacere senza limiti. » Arno Stern


La pittura può divenire un gioco per tutti, strumento per superare pregiudizi ed inibizioni; perchè il colore diventi tutto ciò, è necessario uno spazio speciale, il closileau (luogo chiuso, protetto):  luogo neutro, scevro da ogni competitività, dove ognuno può essere se stesso, perchè ogni differenza è un valore.
Il  "padre" di questo spazio è Arno Stern, pedagogista-artista, la cui vita s'intreccia con l'opera. Nel 1946 Stern venne chiamato in un istituto per orfani di guerra, dove facendo dipingere i bambini matura le consapevolezze necessarie a dare vita al suo progetto.
E' nel 1949 che a Parigi nasce il primo closileau. Il luogo neutro della continuità: sempre gli stessi materiali, i medesimi strumenti e fogli bianchi alle pareti pronti ad accogliere tracce di esistenze.
Le tracce del closileau non sono arte, ma formulazione, non una terapia, ma un gioco, che necessita di un luogo libero da influenze o pressioni; spazio dove ci sono presenze altrui, mai rivali in una competizione, ma compagni di gioco;  in ogni closileau c'è un "praticien"che ben conosce la formulazione, non è un insegnante, ma un servitore, che non fa commenti e non giudica, ma rispetta l'individuo e la sua traccia.
Nel gioco della formulazione l'individuo, che può essere un bimbo di tre anni o un adulto, sviluppa la manualità e lascia il segno della propia esistenza: indipendente, libera, autonoma, seppur nella relazione con l'altro.
Closileau e formullazione danno vita all'educazione creatrice. L'essere creatore è un individuo equilibrato, nè aggressivo, nè disperato, che si realizza tra gli altri e mai contro gli altri.
L'Educazione Creatrice di Arno Stern,  ha trovato molti "discepoli", pertanto per gli interessati al progetto possono trovare atelier di questo tipo anche in città italiane.

Commenti

  1. Sono Emanuela Marsura e conduco il Closlieu "L'Isola dei Colori" vicino Treviso- A chi fosse interessato faccio presente che in Piemonte sono presenti alcuni Closlieu:
    • CLOSLIEU “Liberidiesprimersi” di Jacqueline Giampiccoli, in Via Principe Tommaso 16bis - Torino -
    • CLOSLIEU “Il rifugio della traccia” di Paola Vidotto, in Via Sant’Ambrogio 41/M - Villar Dora (TO) - cell 3387047116
    • CLOSLIEU “Atelier Il Closlieu” di Janette Peyrot, in Via T. Fuhrmann 20 – 10062 Luserna San Giovanni (TO)- cell. 3339392773

    Cordiali saluti, Emanuela

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…