Passa ai contenuti principali

L'intelligenza come Status, mai come sentenza.

Le mani, strumento dell'intelligenza. (Le manine di mia figlia)


" Considerate la vostra semenza, fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza". Dante Alighieri

Leggendo le notizie dell'Ansa, sono rimasta colpita da un aricolo, in cui si informa che recenti ricerche hanno osservato nell'ultimo secolo, un progressivo abbassamento del Quoziente Intellettivo, generazione dopo generazione: "Figli meno intelligenti dei papà, scendono i punteggi del QI."

Vorrei dirvi poche parole, piene di Speranza, che però sottendono molto impegno da parte delle famiglie innanzi tutto e delle agenzie educative.
 
L'intelligenza e la sua misura (QI), sono uno Status, quindi modificabili.

L'intelligenza è frutto dell'interazione tra la genetica e l'ambiente. I fattori ambientali, intesi come stimoli, aspetti socio - culturali, stile di vita, alimentazione, esperienze, hanno un ruolo assolutamente NON trascurabile sull'espressione dei geni.

 Quindi coltivate l'intelligenza dei vostri figli come un prezioso patrimonio, per la loro vita e per la società.
Questo non significa che dovranno essere tutti vincenti, eccellenti, rampanti, come si vuol far credere, ma capaci di adattarsi alle condizioni ambientali, resilienti, empatici, Umani e che possano loro stessi considerare la loro intelligenza un valore. 

Piccole pillole di pedagogia:

- tablet e cellulari, non sono un giocattolo per bambini, il bambino rimane passivo davanti allo schermo e non si attiva;
- leggete insieme;
- lasciateli annoiare, la noia serve per scoprire  se stessi e rilassarsi;
- fateli giocare con materiale destrutturato: giochi con costruzioni in legno, legnetti, foglie, materiali poveri;
- permettete ai vostri figli di fare esperienze a contatto con la natura;
- stimolateli a pensare: se cadono perchè non guardano dove mettono i piedi, invece di sgridarli perchè hanno la testa tra le nuvole, chiedete loro come avrebbero potuto evitare la caduta;
- stimolateli ad osservare le reazioni causa - effetto;
- non ultimo, date loro compiti e responsabilità commisurate all'età: non serviteli!






Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…