sabato 4 aprile 2015

L'attività di Pasqua, non il lavoretto!





Immagine dal web: Amando.it

Se me lo dici, dimentico.
Se mi fai vedere, ricordo.
Se mi coinvolgi, capisco.
 (Proverbio cinese)

Con questo titolo scherzoso ho il piacere di  condividere l'attività proposta a mia figlia Giulia (13 mesi) in occasione della S. Pasqua e proporvi una riflessione circa il tema dei lavoretti.

Quest'anno per Pasqua la mia proposta per i più piccoli non è un "lavoretto",che andrebbe svolto con eccessiva intrusività da parte degli adulti, ma un'attività in cui l'adulto è un semplice mediatore ed il vero protagonista è il bambino che sperimenta, non il prodotto finale.

Per comprendere le ragioni della mia scelta Vi invito a leggere "Lavoretto? NO, grazie!".

Veniamo quindi alla nostra attività pasquale. 
L'obiettivo è duplice: quello di introdurre il concetto di tempo attraverso le ricorrenze e l'avvicendarsi delle stagioni, ossia la primavera e la S. Pasqua. Offrire un'attività che consenta di conoscere, esplorare, sperimentare attraverso i sensi.

Materiali



Materiali: 

- foglio di cartoncino bianco (da cui ho ritagliato le  sagome di due ovali)
- foglio di cartoncino nero
- piatto con colore a dita giallo
- immagini di gallina, pulcino, gallo e un uovo tridimensionale.

Ho introdotto l'attività cantando due canzoncine mimate già note a Giulia.

Canzone 1.

"Sono un pulcino pio pio pio
Mangio con il becco pio pio pio
Ho un capino giallo e paglia per dormir
Salto su e giù con un pio pio pio!"
🐣🐤

Da Peppa Pig

 Canzone 2.


Beato te galletto che non vai a lavorare,
ti alzi la mattina, “Chicchirichì” cominci a fare;
chicchirichì, chicchirichì, è spuntato un nuovo dì
chicchirichì, chicchirichì, è spuntato un nuovo dì.
Beata te gallina che non vai a lavorare,
ti alzi la mattina, “Coccodè” cominci a fare;
coccodè, coccodè, ecco un uovo per te,
coccodè, coccodè, ecco un uovo per te.
Beato te pulcino che non vai a lavorare,
ti alzi la mattina, “Pio pio” cominci a fare;
pio pio, pio pio, voglio un uovo tutto mio,
pio pio, pio pio, voglio un uovo tutto mio.

Esplorazione, osservazione.

Dopo aver cantato abbiamo osservato insieme le immagini di mamma gallina e papà gallo. La mamma gallina depone l'uovo e lo cova con amore (abbiamo imitato la gallina seduta sull'uovo) così dall'ovetto nasce un bel pulcino. Abbiamo toccato, esplorato l'uovo tridimensionale e le uova in cartone.

Colore a dita.

Colorie a dita.

 


Facciamo schiudere le uova: il guscio dell'uovo si crepa e il pulcino inizia ad uscire.














Colorie a dita.


 Le manine lasciano impronte gialle, con la fantasia le impronte diventano tanti pulcini.🐤🐣

Buona Pasqua a tutti!!! 

Fatto insieme a mia figlia Giulia durante un laboratorio "Labò"

 

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...