Passa ai contenuti principali

Attività per piccolissimi: prepariamo insieme un alberello natalizio.

 "Chi lavora con le sue mani è un lavoratore. Chi lavora con le sue mani e la sua testa è un artigiano. Chi lavora con le sue mani e la sua testa ed il suo cuore è un artista." (San Francesco D'Assisi)

In qualità di educatrice ho avuto l'opportunità di lavorare con i piccolissimi solo durante uno stage al nido, però mi è sempre piaciuto molto proporre ai bambini attività creative (ricordo con nostalgia quanto fatto alle elementari negli anni del Progetto Calimero).

La mia voglia di condurre attività, il desiderio di offrire a mia figlia stimoli ed opportunità che le permettano di sperimentare, hanno dato vita ad un alberello natalizio. 

Condivido, con un pizzico d'orgoglio (cuore di mamma!), questa bella esperienza, qualora altre mamme, nonne o tate siano alla ricerca di "esperienze natalizie" per i loro pargoli!

L' obiettivo principale del lavoro è quello di: 

_ fare esperienze sensoriali;


_ sviluppare la motricità fine, l'uso di pollice ed indice.

Sott'obiettivo: primo approccio alle stagioni e ricorrenze.


Innanzitutto è necessario realizzare la sagoma di un albero di Natale, procurandosi del cartoncino verde, quindi ripassare i contorni della sagoma con un pennarello di colore verde scuro:


Ora inizia la prima attività per i piccolissimi:

 pittura con colori a dita.

Occorrente:
- grembiulino cerato;
- piatto di plastica;
- colori a dita: giallo, bianco e rosso
- scotch di carta per fissare la sagoma al piano di lavoro
(lasciate i bambini liberi di esplorare i colori, non siate intrusivi...devono trovar piacere in ciò che fanno!).







Poichè l'alberello è pronto, dobbiamo preparare...il porta vaso! La seconda attività per i piccolissimi è un'esperienza che coinvolge il tatto, l'olfatto, il gusto e la vista:

pittura con l'orzo

Occorrente: 
- grembiulino cerato;
- foglio da disegno in carta bianca;
- scotch di carta;
- piatto di plastica:
- orzo solubile;
- acqua tiepida.

Miscelate l'orzo solubile con acqua tiepida, mettete la "pappetta" in un piatto piano di plastica che darete al bambino; fissate il foglio con lo scotch al piano da lavoro.





Un albero di Natale ha sempre un puntale o una stellina sulla punta, noi faremo una bella stella cometa! Come?La terza attività è:

il gioco dello strappo

Occorrente:
- carta velina gialla, arancione o rossa.

 

A questo punto è pronto tutto il necessario e il nostro piccolo artista ha terminato il proprio lavoro. Sarà compito dell'adulto assemblare i pezzi con l'aiuto di forbici e colla vinilica.




L'albero è pronto, potete appenderlo con un gancetto o metterlo su un mobile appoggiato ad una base ottenuta fissando sul retro del cartoncino.



Buon Natale da Nadia e Giulia!

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…