Passa ai contenuti principali

I quadernini della maestra Milli.





Cercando materiale utile per sostenere i bambini nello studio, sono venuta a cososcenza dei "Quadernini delle Regole" curati da un'insegnante: la maestra Milli (Milena Catucci).

I quadernini sono visionabili sul sito: http://www.ilquaderninodimilli.com/sito/
dove potrete trovare informazioni utili e approfondite.

La maestra Milli è un'insegnante d'italiano, che ha avuto modo di lavorare con un bambino molto particolare, sicuramente intelligente, ma non difficoltà d'apprendimento dovute alla dislessia.

Allo scopo di aiutare un alunno l'insegnante ha cominciato a creare semplici tabelle di sintesi, inserendole in un quadernino ad anelli
Per facilitare la ricerca da parte dello studente il materiale è stato organizzato, classificato e sono state utilizzate linguette colorate al fine di rendere rapida la ricerca.

Da questa esperienza è nato il "Quadernino delle Regole di Grammatica", messo a disposizione per tutti gli studenti; il quadernino si è rivelato utile:

  • per gli studenti con DSA;
  • per gli alunni stranieri;
  • per gli studenti della scuola primaria di primo grado (facilita il ripasso);
  • per insegnanti, pedagogisti ed educatori che lavorano con i bambini della sc. primaria. 

Da quest'esperienza  sono nati altri quadernini molto utili: 
  • Il Quadernino delle Regole di Matematica;
  • Il Quadernino della Lettura (versione maiuscolo);
  • Il Quadernino della Lettura (versione minuscolo).

Per quale ragione è utile un quadernino già pronto? Gli alunni non potrebbero prepararlo da soli?

Tenendo presente che i quadernini sono stati creati in primis per i fanciulli con DSA (per poi constatarne l'utilità anche per i loro compagni), la maestra spiega:

"All’inizio preparavo ogni scheda con i bambini, ma alla fine mi sono resa conto che si “perdeva” più tempo per la preparazione che per l'esercizio! Molte insegnanti pensano –ed io ero una di loro- che preparare insieme le schede aiuta i bambini a ricordare meglio…con l’esperienza mi sono accorta che invece non sempre è così…per esempio, spesso erano proprio i bambini più in difficoltà che non riuscivano a disegnare le tabelle e a scrivere gli esempi…per non parlare del disordine e della disgrafia che in molti casi rendeva le stesse tabelle illeggibili e quindi poco funzionali! Allora cosa facevo? Le preparavo io per loro. E quindi cadeva il “farlo insieme ai bambini”. Poi però gli altri compagni confrontavano i quaderni e questa “diversità” di ordine e di precisione provocava qualche smorfiuccia…- Perché lui ha le tabelle così belle e ordinate e noi no? Non possiamo averle anche noi così? - Effettivamente all’inizio cercavo di motivare la mia scelta… ma poi, ragionandoci con calma, mi son detta: - Perché preparo le tabelle di sintesi?- - Per aiutare i bambini a ripassare e a ripescare una regola quando c’è bisogno.- - Ma riescono a rileggerla bene?- - No…non sempre, perché non tutti sono ordinati e con una bella grafia…- - E riescono comunque a ritrovarla senza problemi?- - No, soprattutto se è sul quaderno finito e lasciato a casa…- - E il tempo che utilizzi per far loro preparare le tabelle?- -Tanto. Sicuramente a scapito dell’esercitazione, decisamente più importante per molti alunni…- Allora? Allora ho tirato le somme ed ho cominciato a preparare io le tabelle per tutti e a raccoglierle insieme, così il “diverso” non si sentiva più tanto “diverso” e per questo a volte anche invidiato! Che è il colmo…quasi una beffa…! Inoltre, avere a disposizione il Quadernino già pronto mi ha offerto vantaggi enormi!"


La mia testimonianza di educatrice impegnata nello studio assistito:"Trovo che i quadernini siano utili, in quanto favoriscono l'autonomia, permettono di fruire delle nozioni in maniera immediata, consentono allo studente di concentrare l'attenzione sulla regola e sull'applicazione.
Non è così semplice per uno studente con dsa costruire materiale di questo tipo, perchè l'organizzazione e pianificazione di queste tabelle richiederebbe un notevole dispendio di energie e tempo, sottratto alla comprensione. Lo strumento è molto chiaro, quindi è immediato. Nei dsa l'attenzione è debole, durante lo svolgimento di un compito è preferibile che i ragazzi si concentrino solo su quello, sulla comprensione e l'applicazione della regole, prima che sulla strutturazione di tabelle. 

In generale per una persona con dsa lo studio richiede già molte energie e tempo (come già detto), quindi dover anche costruire queste cose farebbe crollare motivazione ed interesse verso il compito."
 
I quadernini sono rintracciabili qui: http://www.ilmelograno.net/it/14-i-quadernini-scuola-dislessia





Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…