Passa ai contenuti principali

Educare ad una sana alimentazione. (Food Dudes arriva in Italia)




Recenti studi evidenziano un aumento del numero di bambini in sovrappeso, questo fenomeno fa scattare l'allarme "obesità infantile". I bambini con un importante sovrappeso rischiano di divenire adulti obesi. Questo dato pare essere più allarmante tra le persone meno istruite e poco abbienti.  

I bambini con genitori obesi sono esposti ad un rischio maggiore  di obesità, non solo per fattori genetici, ma per aver appreso stili di vita predisponenti al sovrappeso. Questo comporta una maggior probabilità di sviluppare in futuro malattie come il diabete, malattie cardiovascolari, disturbi circolatori. (Per approfondire: http://espresso.repubblica.it/dettaglio/lobesita-il-nuovo-incubo-italiano/2199649/12/0)

Il problema obesità infantile è presente anche al di fuori della nostra Penisola.
Il rapporto del National Taskforce on Obesity (2005), evidenzia che i bambini in età scolare consumano in famiglia e fuori casa ricche quantità di cibo energetico, a discapito di un sano consumo di alimenti ricchi di fibra e vitamine, necessari per la crescita e per un corretto metabolismo digestivo.

L'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), ha definito l'obesità infantile l'"epidemia globale". I dati sono allarmanti:" in tutto il mondo, più di 22 milioni di bambini al di sotto dei 5 anni sono sovrappeso, e 155 milioni sono bambini in età scolare. In Europa ci sono 14 milioni di bambini in sovrappeso in età scolare, 3 milioni dei quali sono obesi." (Cit.Fooddudes.it)

La responsabilità di questo fenomeno è da ricercare in stili di vita poco sani (cibi troppo calorici, consumo eccessivo di bevande zuccherate, assenza o inadeguatezza della prima colazione, sedentarietà) ed errati modelli di comportamento.

Questi dati rendono evidente l'importanza d'intervenire con un programma di educazione alimentare che insegni un corretto stile di alimentazione, come Food Dudes.

"Food Dudes è un programma educativo basato sull’evidenza empirica (cfr. Bibliografia) sviluppato dal Prof. Fergus Lowe presso l’Università di Bangor (Galles del Nord, GB), che mira a incrementare il consumo di frutta e verdura presso i bambini di età fra i 6 e gli 11 anni. Un gruppo di ricerca italiano dell’Istituto di Consumi, Comportamento e Comunicazione d’Impresa dell’Università IULM di Milano, coordinato dai Proff. Paolo Moderato e Vincenzo Russo e dal Dott. Giovambattista Presti, ne sta curando la sperimentazione e la diffusione in Italia con l’egida della Fondazione IULM e di IESCUM (Istituto Europeo per lo Studio del Comportamento Umano)." (cit. Fooddudes.it)

Il programma, basato su evidenze empiriche e su un approccio scientifico, va ben oltre una semplice campagna informativa. E' stato sviluppato tenendo presenti alcuni aspetti importanti evidenziati dalla psicologia sperimentale:


  • l'imitazione di modelli positivi;
  • incoraggiare i bambini all'assaggio di frutta e verdura per abituare al gusto;
  • approvazione sociale a scuola ed in famiglia. 
Il programma è già in fase di sperimentazione in alcune scuole italiane: http://www.fooddudes.it/doceboCms/index.php?special=changearea&newArea=16


I suggerimenti dell'educatrice:


Proposte tra le mura domestiche!

Certo non è raro che un bambino rifiuti di assaggiare frutta, verdura o altri alimenti importanti per una crescita sana.
  • Appurato che non ci siano intolleranze o allergie alimentari, è possibile giocare insieme a: "scopri il gusto misterioso".
Si preparano degli assaggini tra cui alcuni contenenti nuovi sapori. A turno, i giocatori devono essere bendati (o con occhi chiusi, se la benda crea ansia) e annusare, toccare e infine assaggiare: il bocconcino è buono? E' morbido o croccante? Dolce o salato?


  • Non dimenticate mai che i bambini imparano da ciò che vedono. Sarà più semplice che i vostri bambini si incuriosicano, assaggino e mangino frutta e verdura se anche voi siete soliti consumarne più porzioni nell'arco della giornata. Anche loro sceglieranno cibi sani e genuini se in casa sono ritenuti importanti e preferibili a quelli ipercalorici.


Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Le Alpi (Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù).

Quando frequentavo la scuola elementare (molti anni or sono, aimè!) la maestra ci insegnò una buffa frase, per ricordare il nome delle Alpi: Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù.


Per divertirmi un pò, ho inventato questa filastrocca, dedicata a tutti i bimbi che stanno imparando a conoscere queste splendide montagne!



Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ma che freddo fa qua sù, qua su per la montagna è più fresco che in campagna!
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: un giro per le Alpi farai tu, non le scorderai mai, mai ora che il nome imparerai.
Marittime, non dimenticare, son le Alpi vicino al mare. Cozie, dal buffo nome gli abitanti mangian tome.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ora tu ne sai di più. Gaie e Pennine, da ricordare ci puoi andare a sciare.
Lepontine, alti monti per i laghi sono le fonti. Retiche, fresche montagne puoi raccoglier le castagne.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: per le Alpi viaggi tu. Carniche: Alpi Orientali per praticar sport invernali.
Giulie, dallo splendido nome fanno appassionar molte persone. …