Passa ai contenuti principali

Filastrocca dispettosa.

Filastrocca illustrata di: Tiziana Rinaldi


"Le cose davvero speciali sono dette in poesia. Questo è vero per l'intera umanità e per ogni singolo uomo che nasce. I primi poeti del mondo sono donne. Le madri della specie umana, non appena mettono al mondo una cratura, cominciano a parlarle in rima e versi per dire le cose importanti: tu devi dormire, devi mangiare, devi star bene, devi imparare. Ognuna di queste grandi imprese ha le sue filastrocche, un po' imparate e un po' inventate. Il neonato non capisce le parole, ma sente il tamburo nascosto, e quello gli basta: per dormire, mangiare, ridere, imparare a parlare." B. Tognolini




Filastrocca dispettosa

fai la lingua a chi non osa.

Tiri le orecchie ai compleanni

senza regole, fai un po' danni!



Filastrocca un po' monella,

tu nel cuore hai una stella.

Regali sorrisi a grandi e piccini,

 mandi un bacio a tutti i bambini!



Nadia Scarnecchia



Per approfondire il tema dell'importanza della lettura sin dai primi anni di vita: Fare esperienze di lettura condivisa: "Me lo leggi?"




Commenti

  1. Il tamburo nascosto....meraviglioso modo per dire che la prima cosa che sentono i bimbi sono i ritmi.
    E' vero noi mamme per natura ci improvvisiamo poeti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella Vi.

      Grazie per essere passata ed aver lasciato una traccia.....

      Nel tuo secondo commento (che non riesco a pubblicare: misteri del blog!), scrivevi che il tuo bimbo piccolo ha la sdd e che tu leggi per lui anche con l'obiettivo di implementare i suoi tempi d'attenzione. Mi domandavi, quindi, se potevo consigliarti dei libri.

      Vediamo se posso esserti utile (non so esattamente l'età del tuo bimbo).

      In generale:

      _ preferisci libri di dimensioni non troppo grandi, affinchè lui stesso possa maneggiarli con facilità;

      - scegli libri in materiali resistenti, sicuri,atossici affinchè il tuo bambino possa esplorarli in tranquillità;

      _ scegli libri con illustrazioni e foto dai colori vivaci, che riproducono soggetti a lui familiari: bimbi, animali, facce;

      _ cerca libri in cui le immagini sono accompagnate e descritte da testi semplici, costituiti da poche parole;

      _ se vi divertite a pronunciare parole (o se gli piace ascoltare la tua voce che denomina), potrebbero esserti utili dei libri nati proprio con quello scopo. Tra questi si possono annoverare quelli di Richard Scarry: http://www.macrolibrarsi.it/autori/_richard-scarry.php

      Ti consiglio alcuni luoghi virtuali dove potrai trovare spunti di lettura per il tuo bambino:

      1. http://libriemarmellata.wordpress.com/

      2. su FB: https://www.facebook.com/groups/letteraturainfanzia/?fref=ts

      3. La Biblioteca di Filppo_ su FB: https://www.facebook.com/groups/LaBibliotecaDiFilippo/ _ Blog: http://mammamogliedonna.blogspot.it/p/la-biblioteca-di-filippo.html

      4. Un blog sui libri per bambini: http://www.centostorie.it/public/wordpress/

      Spero che possiate trovare qualcosa che vi piaccia, se ti va passa a farmi sapere...

      Buona notte.

      Nadia

      Elimina
  2. Ritorno dopo un pò di tempo e trovo un post molto carino con questa tua deliziosa filastrocca e molto interessante per le parole di Tognolini.
    Concordo sull'importanza della lettura fin dai primi anni di vita.

    Un caro saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maris...

      eh sì, l'amore per la lettura è un prezioso dono ed una grande eredità.
      Un caro saluto, grazie per aver scritto.

      :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…