Passa ai contenuti principali

Una finestra sul mondo: progetti per amare la lettura.


Illustrazione di Elina Ellis


"Leggimi subito, leggimi forte
Dimmi ogni nome che apre le porte
Chiama ogni cosa, così il mondo viene
Leggimi tutto, leggimi bene
Dimmi la rosa, dammi la rima
Leggimi in prosa, leggimi prima"

di Bruno Tognolini
 


Nel tempo sono stati dedicati diversi post alla lettura, ribadendo l'importanza di leggere sin dai primi mesi di vita, promuovendo il Progetto Nazionale "Nati per leggere", suggerendo consigli di lettura.

Trovo interessante sapere cosa avviene negli altri Paesi del Mondo circa il tema della lettura, per questa ragione vi propongo un bellissimo video tratto da http://it.euronews.com/  realizzato in collaborazione con Learning World (Learning World si è sviluppata in collaborazione con WISE: The World Innovation Summit for Education). WISE è un'iniziativa internazionale, una piattaforma di collaborazione che mira a riconoscere, condividere e orientare il cambiamento nell'educazione http://www.wise-qatar.org/.

Il video che state per vedere mostrerà progetti per la promozione della lettura tra i giovani, partendo dall'assunto che è bene iniziare i bambini al piacere della lettura sin dai primi giorni di vita, perchè leggere è un piacere, non una costrizione.

In Polonia, Irena Kozminska a partire dal 2001, mediante la Fondazione ABCXXI promuove una campagna per diffondere la pratica della lettura sin dai primi giorni di vita. Alcuni ospedali, nei reparti di terapia intensiva neonatale sostengono i genitori nella lettura ai bimbi prematuri, per consolidare il legame e potenziare le capacità di ascolto. 
E' utile leggere a voce alta anche ai bambini che sanno leggere: questo consente di prevenire l'analfabetismo funzionale, ossia l'incapacità delle persone di impiegare le capacità di lettura nel quotidiano. Questo tipo di analfabetismo è maggiormente presente tra le fascie sociali più deboli.

In Francia, il professor Alain Bentolila, docente di Linguistica all’Università Descartes di Parigi, sostiene l'importanza di una collaborazione tra i ricercatori e i docenti in modo di agire sinergicamente con umiltà.

Nel Mondo Arabo, non sempre la pratica della lettura è diffusa e vissuta come un piacevole intrattenimento. Per questa ragione in Giordania, Rana Dajani ha dato vita all'Associazione "Amiamo la lettura", creando biblioteche itineranti nelle moschee e formando ambasciatrici che promuovano questo progetto sul territorio, per formare le mamme e iniziare i bambini all'amore per la lettura. Questo progetto si è quindi diffuso in Egitto, Libano e Arabia Saudita.

Vi auguro una buona visione (Clickate sul seguente link):  Giovani e futuro: il piacere della lettura.

Commenti

  1. Complimentissimi per il blog! non so da dove cominciare a leggere, quindi lascio qui un commento veloce, con la promessa di ritornare:) ben trovata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica. Ricambio i complimenti, anche io sono un soggetto allergico e so quanto a volte la vita si complichi soprattutto quanso si deve mangiare fuori casa! Ho aggiunto il tuo blog tra i link utili, pensando che sarà utile a tanti genitori o a persone con allergia.
      A presto.
      Nadia

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Le Alpi (Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù).

Quando frequentavo la scuola elementare (molti anni or sono, aimè!) la maestra ci insegnò una buffa frase, per ricordare il nome delle Alpi: Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù.


Per divertirmi un pò, ho inventato questa filastrocca, dedicata a tutti i bimbi che stanno imparando a conoscere queste splendide montagne!



Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ma che freddo fa qua sù, qua su per la montagna è più fresco che in campagna!
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: un giro per le Alpi farai tu, non le scorderai mai, mai ora che il nome imparerai.
Marittime, non dimenticare, son le Alpi vicino al mare. Cozie, dal buffo nome gli abitanti mangian tome.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ora tu ne sai di più. Gaie e Pennine, da ricordare ci puoi andare a sciare.
Lepontine, alti monti per i laghi sono le fonti. Retiche, fresche montagne puoi raccoglier le castagne.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: per le Alpi viaggi tu. Carniche: Alpi Orientali per praticar sport invernali.
Giulie, dallo splendido nome fanno appassionar molte persone. …