Passa ai contenuti principali

Halloween: dolcetti, scherzetti ed intercultura....



Halloween è alle porte! Una festa amata dai piccoli, sebbene talvolta generi perplessità tra gli adulti che la sentono lontana dalle proprie tradizioni culturali e dalle esperienze della propria infanzia.

Leggendo alcune discussioni sul Web e su FaceBook, infatti è emerso che ci sono pareri e posizioni contrastanti nei confronti di questa ricorrenza. Questo mi ha indotta ad una riflessione che desidero condividere con Voi e mi piacerebbe dare spazio ad un rispettoso confronto di opinioni.

Credo che lo spazio che in questi anni in Italia viene dedicato ad Halloween (creando iniziative per bambini e non solo, proponendo lavoretti nelle scuole d'infanzia o nei nidi, etc..) possa annoverarsi tra gli effetti di una società che cambia incontrando altre culture. In questi anni molte persone viaggiano per lavoro e a volte permangono anni in altri luoghi, portando con sè le tradizioni acquisite. Internet consente di entrare in contatto con contenuti provenienti da tutto il mondo. Sicuramente c'è anche un forte aspetto commerciale, questo è innegabile!

Halloween non appartiene al bagaglio culturale della mia infanzia, quindi non mi sento legata a questa ricorrenza.  Credo che però il dato importante da tener presente è che i bambini e i ragazzi oggi conoscono questa festa, quindi ritengo sia importante accompagnarli in questo, aiutandoli a guardare oltre l'aspetto commerciale e goliardico, sostenendoli nella conoscenza delle origini di questa festa, imparando da dove proviene, come viene celebrata nel Mondo. Costruendo un bagaglio di conoscenze, condividendo riflessioni, quando cresceranno potranno scegliere se essere anche loro perplessi e sentirla distante o se accoglierla nella propria cultura.

Questa particolare ricorrenza potrebbe essere una buona occasione per parlare con i propri figli, nipoti, alunni di intercultura e quindi cercare insieme informazioni sulle origini di questa festività. Se siete curiosi di conoscere come viene festeggiato il 31 ottobre nel Mondo, leggete quest'articolohttp://www.tgcom24.mediaset.it/viaggi/europa/articoli/1065524/halloween-dolcetto-o-antica-tradizione.shtml

Con questa filastrocca auguro a tutti (perplessi o sostenitori):  un felice Halloween!!!



RORY IL RAGNO.

Non lontano da uno stagno
vive un certo Rory il ragno,
è un famoso tessitore,
tesse tele incolore.

E' un artista trai più bravi
ricama tele tra le travi,
tele grosse e piccoline
cattura vespe e formichine.

Ragnatele d' artista astratto
per intrappolare chi è distratto:
Rory il ragno che è furbetto,
trama per un bel pranzetto!

Nadia Scarnecchia

Commenti

  1. Indubbiamente Halloween non è una festa che ci appartiene, ma è una buona occasione per giocare con le paure: un'occasione d'oro in tutte le fasce d'età. Come educatori, abbiamo il dovere di accompagnare i bimbi alla scoperta e alla messa in discussione di se stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale! Partire dai temi di Halloween per affrontare il tema di paure ed emozioni rende la festa un'occasione preziosa...

      Elimina
  2. Nicoletta Vitrugno, ci scrive:
    "Stamattina mio figlio Gabriele (I elementare...opss...primaria) si è svegliato SUBITO dicendomi che oggi era Halloween: glielo ha insegnato la maestra durante l'ora d'inglese ed hanno fatto una maschera durante le ore di educazione d'immagine! Ai nostri tempi (ho 36 anni) eravamo in pochi a far inglese a 6 anni, ma giocavamo solo alla fattoria per imparare gli animali e...a dire le preghiere in inglese (era una scuola di suore..."in the name of the father, the son and the holy spirit..."). Secondo me, in una società multiculturale come quella che c'è adesso, è giusto che conoscano quante + realtà possibili...se poi c'è di mezzo una festa, loro sono ancora + contenti (ai ns tempi, intercultura significava solo vedere immagini di quei poveri bimbi africani)! Nicoletta"

    RispondiElimina
  3. Ciao, festeggio volentieri Halloween con i miei figli, anzi ora solo con il più piccolo, perché ritengo sia un buon mezzo per esorcizzare la paura dell'ignoto, dei mostri. Trovo bello fare proprie altrui tradizioni, così come ritengo una ricchezza che mio figlio a scuola abbia compagni di paesi e culture diverse perchè è sempre un arricchirsi.
    Ad Halloween poi noi uniamo anche il racconto degli usi delle nonne per questa festa: le castagne, la zucca, le ossa dei morti come dolcetti. Quindi tradizioni diverse si possono unire, integrare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariagrazia e benvenuta! Grazie per la tua condivisione.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Le Alpi (Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù).

Quando frequentavo la scuola elementare (molti anni or sono, aimè!) la maestra ci insegnò una buffa frase, per ricordare il nome delle Alpi: Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù.


Per divertirmi un pò, ho inventato questa filastrocca, dedicata a tutti i bimbi che stanno imparando a conoscere queste splendide montagne!



Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ma che freddo fa qua sù, qua su per la montagna è più fresco che in campagna!
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: un giro per le Alpi farai tu, non le scorderai mai, mai ora che il nome imparerai.
Marittime, non dimenticare, son le Alpi vicino al mare. Cozie, dal buffo nome gli abitanti mangian tome.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ora tu ne sai di più. Gaie e Pennine, da ricordare ci puoi andare a sciare.
Lepontine, alti monti per i laghi sono le fonti. Retiche, fresche montagne puoi raccoglier le castagne.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: per le Alpi viaggi tu. Carniche: Alpi Orientali per praticar sport invernali.
Giulie, dallo splendido nome fanno appassionar molte persone. …