Passa ai contenuti principali

Impariamo viaggiando: Termoli (CB)

Il logo dell'iniziativa! :D


Come anticipato nel mese di giugno con il post "Un viaggio per imparare", questo blog prende parte al progetto: Impariamo viaggiando, promosso da due Blogger, rispettivamente curatrici di : Learning is experience e The Family Company (fate click sul titolo dei blog per conoscere il progetto e le ideatrici).

"Il viaggio, la gita, a volte una "semplice" visita presso un museo, fanno scoprire la geografia dei luoghi, consentono di cogliere tracce del passato storico attraverso l'arte e l'architettura, la cucina tipica di una località ci racconta le tradizioni, i prodotti locali, la musica e la letteratura ci parlano delle dominazioni e delle culture con cui gli indigeni sono entrati in contatto, guardandoci intorno possiamo comprendere qual'è il settore economico di rilievo. Viaggiare consente di mettere in relazione i diversi campi del sapere in modo attivo, intenzionale, non per dovere, ma per curiosità." _ Nell'educazione un tesoro, 20 giugno 2012_


La protagonista del mio viaggio è Termoli (CB).


Stemma del Comune di Termoli.


Sulle cose Adriatiche, accarezzata dai venti e baciata con violenza dal sole, sorge Termoli. La seconda città del Molise per numero di abitanti, è delimitata a nord dal torrente Sinarca e a sud dal fiume Biferno, a carattere torrentizio. La città ha delle coordinate geografiche estrememente precise, infatti corrisponde al luogo virtuale in cui si incrociano il 42º parallelo Nord e il 15º meridiano Est (è il fuso orario dell'Europa centrale).

Termoli è sorta inizialmente come borgo di pescatori. Il nucleo antico della città è il borgo ubicato su un promontorio che volge lo sguardo verso il mare e le isole Tremiti (Fg). 



Il cuore del Borgo è identificabile con la Cattedrale, in stile romanico pugliese.



Cattedrale di Termoli.


Ingresso al Borgo Vecchio.
Verso il Borgo Vecchio.




Il Simbolo peculiare della Città è il Castello Svevo. Sebbene si supponga sia stato edificato in epoca normanna (XI sec.), è denominato Svevo perchè ristrutturato e fortificato da Federico II di Svevia nel 1240.

Il Castello Svevo.




E' interessante sapere che nei pressi del Borgo Vecchio si trova la Scalinata del Folklore, che ogni anno diventa palcoscenico del Festival Internazionale del Folklore e delle Culture Marinare.


La scalinata del Folklore.



Nel visitare la città di Termoli, sicuramente la Vostra attenzione verrà catturata da una costruzione in legno, che come una palafitta si affaccia sul mare: è il trabucco, una "macchina" da pesca tipica delle coste abruzzesi, diffusa anche nel basso Adriatico. 



Trabucco di Termoli.



....e per concludere: un saluto dalla spiaggia di Termoli!


Spiaggia di Termoli, vista dal Borgo Vecchio.



Ringrazio mio marito Michele, termolese doc, per aver scattato pazientemente le foto!



Commenti

  1. un ottimo progetto e una bella vacanza! Brava Nadia!

    RispondiElimina
  2. Grande! Una passeggiata nella storia... Grazie di aver partecipato... P. S. Non so se sai che hai attivo l'incomprensibile codice captcha... se puoi disattivalo, non serve a un granché, rallenta solo chi vuole commentare ;-(

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…