Passa ai contenuti principali

Verdure che passione!

Il link con la ricetta:  http://www.donnaclick.it/cucina/ricette-bambini-verdure-successo-assicurato.htm


Se è vero che prevenire è meglio che curare, quando la prevenzione passa attraverso un gustoso e coloratissimo piatto, la tutela della propria salute si trasforma in una coccola.

Le verdure, povere di calorie, sono una preziosa fonte di vitamine, di sali minerali, di acqua e di fibra, quest'ultima ha effetti metabolici positivi_ come la riduzione del colesterolo nel sangue_ e la regolarizzazione del funzionamento intestinale. L'ideale è consumare le verdure fresche di stagione, coltivate biologicamente e possibilmente a kilometro zero. Un'altra valida alternativa, che fa risparmiare il tempo dedicato alla mondatura è l'acquisto delle verdure surgelate: il freddo contribuisce a coservare alcuni delicati principi nutritivi.

Se è vero che non tutti gli adulti sono abituali consumatori di molteplici tipologie di verdure, tra la popolazione infantile riscontriamo una maggior riluttanza.

Per una corretta educazione alimentare e per la costruzione di uno stile di vita orientato alla prevenzione di eventali patologie correlate all'obesità e alla cattiva alimentazione, è necessario
sin dall'infanzia imparare a conoscere ed apprezzare i vegetali.

I pediatri sostengono che a tavola non dovrebbero mai mancare le verdure: consumate cotte o crude, gustate in profumati passati, in colorate minestre o come condimento per un primo piatto.

Una della principali strategie educative, che anche in questo caso può portare a buoni esiti, è l'esempio dell'adulto: "i grandi" mangiano con piacere la verdura, perchè è buona e fa bene.
Incuriosite e motivate i bambini chiamandoli in causa nel fare la spesa e comprate con loro le verdure, insegnando a distinguerle in base a forme e colori.
Infine, il momento magico: coinvolgere i più piccoli nella preparazione dei piatti di verdura, per assaggiare quello che le loro manine hanno preparato!

Navigando in rete e passeggiando tra gli scaffali delle librerie ho "trovato" qualche utile suggerimento (ed ho anche sperimentato qualche ricetta!).

Per i piccini... 

@ un bellissimo sito dove trovare sane ricette Bio a base di verdure (e non solo) da prepare insieme ai Vostri pargoli dai 3 ai 9 anni: Piccolo Cuoco;

@ un libro ricco di suggerimenti, di ricette a base di verdure e di invitanti immagini, perchè anche a tavola l'occhio vuole la sua parte e un cibo che si lascia mangiare con gli occhi è un ottimo invito all'assaggio: "Il cucchiaino d'argento. Verdure che passione!"_ Vol. 3, Editoriale Domus.


http://www.edidomus.it/it/focus/dettaglio?focus=22


Per gli adulti...

Come già ribadito, l'esempio che gli adulti offrono ai bambini è prezioso, anche quando pare che nell'immediato i ragazzini non lo colgano. Il modello offerto degli adulti di riferimento è un seme, che se ben coltivato nel tempo darà frutti.

@ un libro con preziosi consigli alimentari e ricette per gli adulti. Le autrici sono due dermatologhe e una nota ballerina - showgirl: Gabbriella Fabbrocini e Pucci Romano, che da anni conducono ricerche sulla correlazione tra alimentazione, salute ed invecchiamento cutaneo e Lorella Cuccarini, più volte mamma, con alle spalle un problema rilevante alla tiroide, ma in splendida forma. Il libro "A tavola non si invecchia. Ricette e consigli per una pelle giovane e sana", Ed. Giunti, scritto con linguaggio semplice, è una preziosa fonte d'informazioni, ricette, l'occasione per riflettere e maturare una maggior cosapevolezza circa le proprie abitudini alimentari.

http://www.ibs.it/code/9788809759770/romano-pucci/tavola-non-invecchia.html





Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…