martedì 31 luglio 2012

Festeggiamo il compleanno con un libro?




Cari Lettori,

sono lieta di annunciarvi un evento: il 2 agosto 2012 il blog "Nell'educazione un tesoro" compie due anni!

Inizialmente il blog non c'era e non era presente nemmeno nella mia mente, ma c'era la voglia  di condividere e confrontarmi circa i molteplici temi dell'educazione.

Un giorno un'amica mi suggerì l'idea di creare un blog: cominciai questo cammino con entusiasmo, non sapevo se sarei riuscita a far durare nel tempo questo progetto di condivisione, ma due anni sono trascorsi, consentendomi di scrivere e riflettere su diversi argomenti, di incontrare virtualmente altre persone e di essere felice ogni volta che qualcuno lascia un commento o quando ricevo qualche complimento per le mie fiabe o filastrocche.

Solitamente ai compleanni si associano festeggiamenti e doni: vorrei festeggiare virtualmente con Voi, mediante un pensiero letterario....

Poichè uno degli obiettivi che perseguo mediante il blog è quello di promuovere la lettura, con una particolare attenzione alla pratica della lettura condivisa sin dai primi anni di vita, ho pensato di regalare un libro: "Il libro della Pace", di Todd Parr!





 
Fedele al proprio stile Todd colora la PACE con toni brillanti, immagini gioiose, parole semplici e dirette.

Ho scelto questo libro, perchè come avrete compreso mi piace tanto il mondo di Todd Parr e perchè anche io penso che PACE significhi molte cose e ognuno di noi ha bisogno di trovare la propria pace.

Questo dono è il mio augurio di pace.

Il festeggiamento si concluderà giovedì  20 settembre 2012, quando comunicherò il destinatario del libro e verrà pubblicato un post contenente i vostri consigli di lettura.


COME FUNZIONA LO SCAMBIO DI LETTURE?

Ogni lettore deve lasciare come commento a questo post, un consiglio di lettura inerente tematiche educative: citando il titolo del testo, l'autore e la ragione per cui ha scelto di consigliare proprio quel libro. 

Giovedì 20 settembre 2012 entro le ore 20.00 verrà comunicato mediante questo blog il nome del lettore a cui desidero fare il dono, quindi tenete d'occhio "Nell'educazione un tesoro".

Buone letture a tutti!

Nadia S.

NOTA: QUESTO EVENTO NON E' IN ALCUN MODO UNA PROMOZIONE DI PRODOTTI, NON HA FINALITA' COMMERCIALI DI ALCUN TIPO, NON SONO COINVOLTI SPONSOR, E' SENZA FINI DI LUCRO, NON E' UN CONCORSO A PREMI.

NASCE DALLA MIA ESCLUSIVA VOLONTA' DI CONDIVIDERE LETTURE E FAVORIRE LA CIRCOLAZIONE DEI SAPERI IN AMBITO EDUCATIVO.




12 commenti:

  1. Il senso della vita

    di Oscar Brenifier

    Consigliato a: bambini di 6 - 12 anni che si fanno molte domande.

    Ho l'intera collezione dei libri di Brenifier: "Il senso della vita", "I grandi contrasti psicologici", "Il bene e il male", "Il libro dell'amore e dell'amicizia", "Il concetto di Dio", "Che cos'è la libertà?", "Che cosa sono i sentimenti?".

    Sono libri illustrati, con uno stile un po' maturo ma piacevole per i bambini più grandi. Sono libri per bambini che si pongono tante domande, non ci sono risposte nei libri ma descrizioni di quello che pensano le persone, diverse vedute sui diversi temi e nuove domande per insegnare ai bambini che la ricerca della verità è una strada che non finisce mai.

    RispondiElimina
  2. Il diritto del bambino al rispetto di Janus Korzcak: si può leggere anche ai bambini più grandi. Ha cambiato il mio modo di considerare il lavoro, facendomi "innalzare" al livello dei più piccoli.
    Da leggere anche solo per rendere omaggio alla straordinaria personalità dell'autore.

    RispondiElimina
  3. Considero la lettura un piacere e non un dovere...perciò collegate al verbo "leggere" penso ci stiano benissimo verbi come " scoprire", "sognare", "viaggiare", "creare"....
    A mio nipote di 3 anni che è un amnate del mare e della pesca leggo in skype (lui abita lontano) IL PESCIOLINO D'ORO - fiaba di A. Puskin - ed. EL
    Mi pare gli piaccia tanto ...mi fa domande e si mostra curioso...sta imparando!

    RispondiElimina
  4. L' albero
    di Shel Silverstein
    Salani editore

    "Un albero si innamora di un bambino. Un bambino si innamora di un albero. L'albero gli regala i suoi frutti.Il bambino gioca con le sue fronde. L'albero lo ripara alla sua ombra. Il bambino cresce, diventa sempre più esigente. L'albero invece è sempre lì, immutabile e disponibile. E' la storia d’amore tra un essere umano che attraversa le stagioni della vita perdendo progressivamente la spontaneità e la capacità di amare disinteressatamente e un albero, radicato, immutabile, felice nel rendere felice l’altro, è forse il paradigma del percorso di vita di molti."

    Ho scelto questo libro:
    Perché lui ha scelto me, mi è rimasto nel cuore fin dalla prima lettura.
    Perché è una storia con immagini semplici, in bianco e nero ed un testo molto semplice.
    Perché permette di affrontare con i bambini temi importanti come l'amicizia, l'amore incondizionato, la gratuità, la generosità, l'appagamento quando si agisce seguendo il bene; ma anche di egoismo, tristezza, solitudine, indifferenza...
    Perché è per bambini ma soprattutto per noi adulti per ricordarci di conservare sempre il bambino che è dentro di noi, nelle emozioni, nella spontaneità, nel modo di approcciarsi alle cose e alla vita.
    Perché ogni volta che lo vedo mi fa ritornare con la mente alla prima volta che l'ho letto: i bambini ammutoliti e sorpresi, increduli nel vedere come crescendo ci si dimentica delle cose davvero importanti, ma che poi si cercano quando si è tristi e soli.
    Perché vorrei tanto poter avvicinarmi ad essere per i miei bimbi come quell'albero: un porto sicuro...e magari un giorno, da grandi, si ricorderanno di una dada un po' pasticciona che ha cercato di contribuire alla loro crescita lasciandoli liberi di provare e di sbagliare ma che li ha sempre guardati con gli occhi pieni di fiducia ed amore, pronta a rassicurali e ad aiutarli a rialzarsi...

    RispondiElimina
  5. CONTI E RACCONTI di Laura Prosdomici.
    Quando i numeri incontrano le fiabe...
    Perché ?
    Perché trovo che non ci sia metodo migliore d'apprendimento che farlo divertendosi; si stimola così la voglia di imparare, di analizzare, di intuire e di capire.
    Buon compleanno !!!!!!
    Ugo (Gnomo ASPirino)

    RispondiElimina
  6. Vuoi scriverlo anche su Segnalibro? Così poi raccogliamo i suggerimenti in un file apposito ;-)
    Il libro che suggerisco è Ho sete per piacere. Padre, madre, figli. Un'esperienza a sostegno dei genitori, il libro di una mamma che è anche psicologa e che mette a servizio dei genitori la sua esperienza di mamma esperta.

    RispondiElimina
  7. A me piace regalare - e leggere e rileggere!... - i libri di Gruffalò di Julia Donaldson perchè dentro hanno un po' di tutto: avventura, paura, ironia, sfida, affetti...raccontati in rime divertenti ed illustrati magicamente da Axel Scheffer.
    Mi sembra un bel modo di avvicinare un piccoletto o una piccoletta alla vita!

    RispondiElimina
  8. "Quando e' difficile imparare a leggere" di Carl. Delacato. Un manuale operativo per aiutare a risolvere il problema del bambino che non riesce a leggere bene. Può essere utilizzato inizialmente anche come guida per i genitori i quali si trovano ad affrontare questa enorme difficoltà insieme al bambino. Consiglio questo libro perché mi sto interessando a questa problematica in modo più approfondito ed e' un problema che molti
    Bambini vivono e che spesso li fa sentire esclusi dal loro ambito sociale e questo crea un enorme sofferenza per loro.
    Ciao da Alessandra.

    RispondiElimina
  9. Storia di un albero - Vast Emilie
    adoro questo libro, adoro leggermelo, leggerlo ai bambini e creare attività a partire da esso.
    le pagine infatti presentano dei buchi e piccoli sentieri fatti da impronte di animali che possono essere seguiti con il ditino.
    in questo albo illustrato viene raccontata la vita intorno all'albero, vita di diversi tipi di animali che vivono sulle sue fronde, nel suo tronco o tra le radici in gallerie sotterranee. attraverso le pagine del libro inoltre viene raccontato il fluire delle stagione, la ripetizione ciclica e sorprendente della natura....tanto che l'ultima pagina dell'albo ci riporta immediatamente all'inizio.

    BUON COMPLEANNO!!!!

    RispondiElimina
  10. "Se ti abbraccio non aver paura"
    Autore: Fulvio Ervas - Ed. Marcos y Marcos

    Il verdetto di un medico ha ribaltato il mondo.
    La malattia di Andrea è un uragano;
    L'autismo l'ha fatto prigioniero e Franco è diventato un cavaliere che combatte per suo figlio. Un cavaliere che non si arrende e continua a sognare. Per anni hanno viaggiato inseguendo terapie: tradizionali, sperimentali, spirituali. Adesso partono per un viaggio diverso, senza bussola e senza meta. Insieme, padre e figlio, uniti nel tempo sospeso della strada. Tagliano l'America in moto, si perdono nelle foreste del Guatemala. Per tre mesi la normalità è abolita, e non si sa più chi è diverso. Per tre mesi è Andrea a insegnare a suo padre ad abbandonarsi alla vita. Andrea che accarezza coccodrilli, abbraccia cameriere e sciamani. E semina pezzetti di carta lungo il tragitto, tenero Pollicino che prepara il ritorno mentre suo padre vorrebbe rimanere in viaggio per sempre. Se ti abbraccio non aver paura è un'avventura grandiosa, difficile, imprevedibile, Come Andrea. Una storia vera.

    Non smettiamo mai di leggere !


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia, un libro molto bello che ho letto anche io con piacere!

      Mi permetto solo di fare una precisazione, poichè hai toccato un tema molto interessante, vorrei cogliere l'occasione per ribadire un concetto importante.

      L'autismo (o meglio gli autismi) non è una malattia, ma una neurodiversità: il funzionamento della mente autistica è un funzionamento differente. L'autismo, come tutte le neurodiversità non si curano, ma si mettono in atto interventi educativi adeguati (comportamentali, strutturazione di spazi e tempi, etc...)

      Elimina
    2. Ciao Nadia, infatti hai fatto bene a precisare. Grazie, Cinzia

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...