Passa ai contenuti principali

Fare esperienze di lettura condivisa: “Me lo leggi?”




Sei mesi già ho e son pronto a giocare
coi libri che tu saprai farmi sfogliare.
Tu leggimi un libro e sai che ti dico?
Un libro sarà per sempre mio amico.”

Alberto Pellai (psicoterapeuta dell'età evolutiva)


"Me lo leggi?", di G. Cozza

Un libro che ho recentemente letto con curiosità e piacere è: “Me lo leggi?” di Giorgia Cozza, giornalista comasca che collabora con riviste specializzate in infanzia, maternità, salute della mamma e del bambino.

“Me lo leggi?” è un percorso attraverso la pratica della lettura condivisa, infatti il libro tratta questo tema da differenti prospettive, riportando le testimonianze dei genitori, dei bimbi e degli esperti.

Perché leggere ai bambini e perché farlo sin dai primi mesi di vita?
La protagonista indiscussa della lettura condivisa è la voce, che si fa veicolo d'affettività; la voce diviene dono d'amore per continuare un legame iniziato ancor prima della nascita.

Leggere ad alta voce al proprio bambino ha una triplice valenza: relazionale, affettiva e cognitiva.

Innanzitutto c'è la relazione, la possibilità di rinforzare il legame tra madre e bambino attraverso il suono della voce che il piccolo ha imparato a conoscere e sentire, ancor prima della nascita; la voce della mamma garantisce continuità, è riferimento, rassicura, cura.
Leggere a voce alta per il proprio bambino significa dedicarsi reciprocamente tempo prezioso, è un'esperienza importante di condivisione e di ascolto.

La lettura condivisa ha un grande valore anche per lo sviluppo dell'affettività: il grembo materno è un universo sonoro, il bambino vive immerso nel liquido amniotico, ma anche a stretto contatto con il battito del cuore della mamma e con la voce di questa; voce che sente da fuori, ma anche voce che ascolta da dentro. L'intenzionalità, il trasporto, l'amore con cui si legge al proprio bambino è più rilevante di cosa si legge; l'affettività è necessaria alla creazione di uno spazio emotivo, in cui il piccolo ed i genitori possono emozionarsi insieme, dove il bambino sperimenta emozioni, rivive paure e viene rassicurato.

Un'altra ragione per cui leggere per il proprio bambino è per favorirne lo sviluppo cognitivo. Leggere sin dalla tenera età aiuta il piccolo ad abituarsi all'ascolto, ad implementare i tempi d'attenzione (che inizialmente saranno estremamente brevi), è un valido aiuto per aumentare la comprensione del linguaggio ed arricchire il lessico. Ascoltare la voce che legge aiuta a sviluppare l'immaginazione, l'intelligenza narrativa (ossia la capacità di organizzare il pensiero secondo sequenze logico – temporali). Gli studi documentano che esperienze precoci di lettura condivisa favoriscono il successo scolastico.

Ogni momento può essere adatto per leggere insieme, se si ha voglia di farlo: occorre trovare un angolino tranquillo, spegnere la televisione, i cellulari, il computer e lasciarsi trasportare dalla voce, dalle parole, dalle immagini.

La lettura accompagna le tappe dello sviluppo del bambino: si comincia con la voce che canta la ninna nanna o recita la filastrocca, con i libricini morbidi e sensoriali, poi con libri con immagini e poche parole, per passare a letture e libricini che accompagnano la crescita del piccolo, segnando il momento del passaggio al vasino, l'ingresso alla scuola materna, il tempo in cui il bambino diventa fratello o sorella maggiore.

Libri, favole, racconti, narrazioni di esperienze familiari per condividere emozioni, per affrontare insieme criticità, per tramandare aneddoti, per costruire esperienze.

Non è solo la voce della mamma ed essere preziosa, ma anche la voce del papà è molto apprezzata; la lettura condivisa è piacevole e consolida la relazione anche quando sono i nonni, i fratellini, le tate a leggere per i piccoli.

La possibilità di leggere per il bambino, non finisce con l'ingresso alla scuola primaria, quando il piccolo scolaro diventa un lettore autonomo. I bambini dimostrano di gradire questa pratica di piacere, che è principalmente condivisione di tempo e veicolo di affettività, anche quando ormai sanno leggere in autonomia.

Con il trascorrere degli anni arriverà il momento in cui la lettura condivisa rimarrà un bel ricordo da custodire, che in alcuni casi lascerà spazio alla condivisione di letture, allo scambio di libri, ai reciproci consigli.


Commenti

  1. il mio bimbo ha la sdd e lavoro molto per allungargli i tempi di attenzione anche leggendo libri, di quelli hce riproducono anche suoni. E ancora piccolo puoi consigliarmi letture appropriate?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…