Passa ai contenuti principali

Un viaggio per imparare.

Illustrazione di Rachelle Anne Miller


"La nostra meta non è mai un luogo dove andare, ma un modo nuovo di vedere le cose." Henry Miller

Imparare non può essere un'imposizione, la volontà di apprendere dovrebbe nascere da un bisogno. Certe volte non ci si accorge di avere un bisogno fin quando un'esperienza, un evento, l'ascolto di parole, muovono qualche cosa dentro di noi, allora il bisogno si costruisce, prende forma, si fa vivo e diventa desiderio. 

La curiosità che un viaggio voluto desta dentro ciascuno di noi, può essere una preziosa molla per voler sapere, conoscere, scoprire: un'occasione per imparare! 

Viaggiare è ricerca, scoperta, condivisione, confronto, meraviglia. Spostarsi attraverso la vita e i luoghi, ci forma e ci trasforma. 

Il viaggio, la gita, a volte una "semplice" visita presso un museo, fanno scoprire la geografia dei luoghi, consentono di cogliere tracce del passato storico attraverso l'arte e l'architettura, la cucina tipica di una località ci racconta le tradizioni, i prodotti locali, la musica e la letteratura ci parlano delle dominazioni e delle culture con cui gli indigeni sono entrati in contatto, guardandoci intorno possiamo comprendere qual'è il settore economico di rilievo. Viaggiare consente di mettere in relazione i diversi campi del sapere in modo attivo, intenzionale, non per dovere, ma per curiosità.

Per questa ragione ho scelto di dar visibilità al progetto ideato e promosso da due Blogger, rispettivamente curatrici di : Learning is experience e The Family Company (fate click sul titolo dei blog per conoscere il progetto e le ideatrici).

Il progetto è: "Impariamo viaggiando".


Il logo scelto dalle Blogger per promuovere il loro progetto.

Il viaggio, la scoperta di altro rispetto alla propria quotidianità, si fa occasione di apprendimento.

Il progetto ha due obiettivi: 

1. rendere le proprie vacanze, una gita o una semplice visita ad un museo un'occasione di apprendimento;

2.  raccogliere in un unico documento le testimonianze e i suggerimenti dei viaggiatori che vorranno aderire al progetto. I "racconti di viaggio" verranno trasformati in una splendida guida in pdf, che sarà inviata a tutti i partecipanti. 

Ai Blogger che prenderanno parte al progetto, sarà possibile pubblicare la guida nel proprio sito e renderla disponibile per i lettori.

Come potete partecipare all'evento? 

Da oggi fino al 18 settembre, raccontate un  viaggio che sia diventato un momento di apprendimento, per voi, i vostri bimbi o per tutta la famiglia. Non deve essere necessariamente un viaggio lungo: è sufficiente un fine settimana fuori porta, una gita, una visita al museo. L’importante è che abbia luogo durante l’estate 2012.

@ Qualche spunto: dove siete stati? Cosa avete imparato? Perché? Come avete coinvolto i vostri bimbi? 

@ Se possibile, impreziosite il racconto con immagini e fotografie, in modo da poter meglio evocare ciò che voi o i vostri bimbi avete imparato durante il viaggio. 

@ Potete raccontarcelo, scrivendo un post sul vostro blog oppure, se non avete un blog, inviando una mail a posta.familyco@gmail.com e a profpalmy@gmail.com

@ Per le partecipanti blogger, vi chiediamo di inserire il logo dell’iniziativa nella sidebar del vostro sito.

@ Infine, lasciate il link al vostro post nel box commenti dei Blog delle ideatrici del progetto (per chi non avesse un blog, segnalate nel box commenti che avete inviato il racconto via mail).
Buon viaggio e lieta scoperta.... :D


Commenti

  1. Nadia grazie davvero! Sono sicura che, insieme, creeremo una guida meravigliosa!

    RispondiElimina
  2. Grazie dell'adesione! Lo scopo di tutto il lavorìo che mettiamo nei nostri blog alla fine è la condivisione e per questo doppiamente ti ringrazio!

    RispondiElimina
  3. "The Family company" e "Palmy": grazie a Voi! Avete avuto un'idea molto bella. E' un'opportunità di condivisione e cooperazione per le famiglie, per gli adolescenti che viaggiano "da soli" per viaggi studio: trasformare la vita in un'occasione di apprendimento attivo. Questo, secondo me, è veramente il senso dell'imparare...trasformare l'apprendimento in un divertente bisogno!
    Non vedo l'ora di vedere la guida...in autunno! :)

    RispondiElimina
  4. Mi sono imbattuto solo oggi nel tuo blog e ti faccio i complimenti al volo. Io a Rivalta collaboro con il piano locale giovani ed è bello vedere quanto siano affini i nostri blog anche se si rivolgono a età diverse.
    ciao
    Danilo
    http://www.onthefrog.it/blog

    RispondiElimina
  5. Ciao Danilo, ti ringrazio molto.

    Qualche volta Vi ho visitato e certamente continuerò a farlo, anche se pare banale ricambio i complimenti.

    Un saluto.

    Nadia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…