Passa ai contenuti principali

Un pomeriggio al Museo di Rivoli: Piero Gilardi.

Tappeto natura, di Piero Gilardi.


Piero Gilardi, artista Torinese, classe 1942 (per saperne di più: biografia).

Il Museo di Rivoli, dal 31 marzo al 6 maggio 2012, espone opere e produzioni dei primi ventidue anni di carriera dell'artista.

Un tripudio di colori, sfumature, ambienti, forme: sono i "tappeti natura", realizzati in poliuretano espanso, che riproducono meravigliosi tappeti erbosi, letti di fiume che possono essere "abitati"nelle case, esplorati con i sensi, trasformando l'arte in un'esperienza ludica.

La ragione per cui ho scelto di scrivere su questo blog di Piero Gilardi, va però oltre i "tappeti natura"(che personalmente trovo meravigliosi, per la genialità creativa, per la scelta cromatica, la cura del dettaglio, per la voglia di esplorare le possibilità offerte da un materiale solitamente non utilizzato per fare arte, per aver portato arte e natura in uno spazio da abitare).

E' mia intenzione dare rilievo all'impegno sociale di Gilardi, alla volontà di porre l'arte in relazione con i problemi della vita, mosso dalla convinzione che l'arte possa mutare l'esistenza umana, trasformando la società, l'ambiente di vita.
Pietro Gilardi non solo artista, ma anche animatore culturale, arteterapeuta per i pazienti di un ospedale psichiatrico.

Se siete interessati alla mostra: "Piero Gilardi. Effetti collaborativi. 1963 - 1985", curata da Andrea Bellini, potete visitare il sito del Castello di Rivoli (To): www.castellodirivoli.org

"Il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
nelle giornate di Pasqua e Pasquetta 2012 propone:

PER IL PUBBLICO

Visite guidate gratuite alle mostre Piero Gilardi – Effetti collaborativi e Arte Povera International e alla Residenza Sabauda, con orario festivo: ore 11, 15 e 18 visite guidate alle mostre; ore 16.30 visita storica.


PER LE FAMIGLIE
Lunedì 9 aprile ore 16 speciale Weekend’arte Natura e artificio
In relazione alla mostra Piero Gilardi – Effetti collaborativi e in particolare al Puzzle natura, opera di Gilardi pensata per l’interazione con il pubblico, in laboratorio si realizzeranno divertenti e curiosi Prati da passeggio.

INFORMAZIONI
Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
tel. 011.9565213, fax 011.9565232
e-mail: educa@castellodirivoli.org"

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…