Passa ai contenuti principali

....se anche i bambini smettono di ridere?


Cari Lettori,
oggi ho avuto la fortuna di leggere una lettera scritta da Don Mazzi, una riflessione dai toni forti, fatta di parole incisive, che lasciano un segno.

Voglio condividera con Voi...

"Ho letto con interesse, e spero di capirne un po’ di più, dell’esperienza pistoiese di un primo centro di terapia ricreativa per bambini. L’interesse e la meraviglia mia riguarda proprio il titolo. Quando eravamo poveri, nullatenenti e contadini, erano i nostri bambini a portare allegria e gioia dentro casa.
Le case di allora, con terra battuta al posto delle mattonelle firmate, illuminate dal fuoco del camino e addobbate da una tavola grande (perché allora eravamo tanti) non avevano la radio e erano i nostri bambini a cantare, urlare, ballare, giocare. Adesso, se ho capito bene, nemmeno i nostri bambini sanno più giocare, godere e devono andare a scuola di felicità. Ma ci pensate in che società siamo finiti?
I bambini non ridono, non si trastullano, non si sporcano (guai!), non possono farsi male. Sono bambini imbalsamati, inchiodati sui giochi informatici, con le mani piene del telefonino. Mandiamoli in Toscana, perdinci! E là, pittori, scultori, psicologi si daranno da fare per farli ridere.
L’hanno chiamata la “fabbrica della felicità”. E se, invece di autori quotati, adoperassimo le quattro anatrelle che sguazzano nella piscinetta del giardino o il pony della casa vicina, o la fisarmonica a bocca di nonno Adelino, o le favole di Antonietta la cieca?
Quando in un paese non giocano e non ridono più nemmeno i bambini, non è meglio mettere in terapia i grandi, i genitori, gli psicologi, i sociologi, i politici, gli insegnanti della scuola?
Voi direte che arrivano in Toscana i casi limite. Il Dynamo Camp di Pistoia è riservato ai casi patologici. E se vi dicessi che sono i casi non patologici che mi preoccupano di più? Quando una mamma è tirata di nervi già la mattina perché deve andare a lavorare e nel frattempo deve portare in orario a scuola il figlio; quando un padre spara più parolacce che parole a cena o durante il week end e non lo si vede mai sorridere, cosa può accadere ad un figlio?
Guai parlare di patologia alla mediaborghesia. Si tratterà di nervosismo. Somministrate qualche tranquillante. Solo i poveri hanno patologie. Io invece vi dico che in queste nostre città, siamo tutti borghesi, frustrati, inebetiti e patologici.
Perciò abbiamo i figli che ci meritiamo. Mandiamo pure a Pistoia i casi gravi. Ma non dimentichiamo che i casi veramente irrecuperabili non andranno mai in un paesino del pistoiese, dove tutti chiacchierano di tutto.
Poichè gli irrecuperabili li fabbrichiamo noi, per le terapie di felicità li porteremo in America, in Svizzera e, in extremis, in Canada. Nessuno deve sapere! Lasciatemi fare una battuta. È di Pascal: “Più conosco gli uomini, più amo il mio cane!”.

Don Antonio Mazzi"

Tratto da: 
http://www.exodus.it/exodus/index.php?option=com_k2&view=item&id=635%3Aanche-i-bambini-non-ridono-pi%C3%B9&Itemid=29

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…