Passa ai contenuti principali

Quando il corso regionale vale più della laurea.


Cari Lettori,
condivido con Voi la mia frustrazione e il mio sconcerto, perchè quanto accade in questo Paese a volte mi sembra inspiegabile.

"Questa lettera è denuncia ed espressione del mio sconcerto. Sono un'educatrice laureata con ottimi voti in scienze dell'educazione, che ha arricchito il curriculum universitario con altre specializzazioni, ma non ha pensato di frequentare il corso regionale per conseguire il diploma di educatrice per la prima infanzia. Questo diploma regionale però pare valga più della laurea, perchè per la seconda volta non avrò modo di partecipare ad un concorso per educatrice di asilo nido, mentre saranno accettati i detentori di diploma di scuola media superiore (quinquennale), se in possesso del diploma regionale. Il comune che non apre le porte ai laureati di classe pedagogica, a meno che non abbiano frequentato anche il corso regionale, è quello di Rivoli; nel mese di luglio 2011 era il comune di Orbassano a sbarrarci la strada.
Non credo che la laurea sia un certificato inequivocabile di competenze, ma non è forse paradossale che un corso regionale con un solo esame finale, valga più decine di esami universitari superati con profitto?
Ringraziando per l'attenzione, porgo cordiali saluti.

Nadia Scarnecchia"

Commenti

  1. è una vergogna, il nostro paese penalizza chi studia di più, certe volte pare quasi che lo facciano a dispetto. Dispetto all'impegno e alla serietà, che evidentemente i nostri governanti, funzionari e dirigenti proprio non conoscono.

    RispondiElimina
  2. Il problema vero è che chi stabilisce queste cose è un politicizzato che è asservito al potere e alla politica. GRrrrrrrrrrr

    RispondiElimina
  3. Grazie per aver lasciato un commento perchè essere arrabbiati e sentire che nessuno ti ascolta fa sentire veramente soli ed impotenti.
    Quello che trovo paradossale è:
    _che precludano agli individui la possibilità della scelta, ma siano coloro che indicono il bando a escludere i laureati in Scienze dell'educazione (titolo in sè abilitante al lavoro di educatrice in asilo nido).
    _ma è possibile che un titolo erogato da un ente locale (che comporta mille ore di lezione ed un esame finale), sia più abilitante di una laurea che ha un valore Statale e che implica che il soggetto che l'ha conseguita abbia sostenuto decine di esami valutato da più docenti distinti?

    Tutto questo ha una logica coerente con il concetto di merito che viene tanto tirato in ballo, quando si parla di disoccupazione/occupazione?

    RispondiElimina
  4. Lettera al dott. Cota, Presidente della regione Piemonte.
    ""Gentile Dott.Cota, questa lettera è espressione del mio sconcerto. Sono un'educatrice laureata con ottimi voti in scienze dell'educazione, che ha arricchito il curriculum universitario con altre specializzazioni, ma non ha pensato di frequentare il corso regionale per conseguire il diploma di educatrice per la prima infanzia. Questo diploma regionale però pare valga più della laurea, perchè per la seconda volta non avrò modo di partecipare ad un concorso per educatrice di asilo nido, mentre saranno accettati i detentori di diploma di scuola media superiore (quinquennale), se in possesso del diploma regionale. Il comune che non apre le porte ai laureati di classe pedagogica, a meno che non abbiano frequentato anche il corso regionale, è quello di Rivoli; nel mese di luglio 2011 era il comune di Orbassano a sbarrarci la strada.
    Non credo che la laurea sia un certificato inequivocabile di competenze, ma non è forse paradossale che un corso regionale con un solo esame finale, valga più di decine di esami universitari superati con profitto? Tutto questo ha una logica coerente con il concetto di merito solitamente menzionato, quando si parla di disoccupazione/occupazione? Non discuto il fatto che in potenza un diplomato regionale sia più competente di un laureato, ma della mancata opportunità offerta al laureato di sperimentare e dimostrare le proprie competenze.
    Ringraziando per l'attenzione, porgo cordiali saluti.

    Nadia Scarnecchia"

    Qualora riceverò la risposta la condividerò con Voi. Non vivo questo come un mio personale problema o puntiglio, ma come un fatto sociale che interessa in potenza qualunque laureato in scienze dell'educazione o affini, residente sul territorio italiano.

    RispondiElimina
  5. che merda!io sono nella tua stessa situazione...a me era successo anche per il concorso a moncalieri un'anno e mezzo fa!la cosa assurda è che a rivoli c'è scritto che ti danno 2 punti in più se hai la laurea!

    RispondiElimina
  6. @Ambra, se vuoi scrivimi in privato, perchè vorrei approfondire la questione, perchè mi pare paradossale e magari se tutti insieme cominciamo a reclamare i diritti riusciamo a cambiare le cose:
    scarnecchia.nadia@tiscali.it

    Ho telefonato a Rivoli la mattina del 21 ottorbe. Una signora molto gentile, che ha mostrato comunque empatia e rispetto nei nostri riguardi, ha detto che la laurea ci conferisce un punteggio più alto, ma possiamo accedere al bando solo se abbiamo il diploma regionale.
    Come hai letto nella mia lettera, la medesima cosa avvene a luglio 2011 a Orbassano, a te è successo a Moncalieri quindi è un problema della Provincia di Torino. Poco più di un mese or sono ad Asti ha avuto luogo un concorso per educatore al nido e in quel caso la laurea in scienze dell'educazione era già requisito d'accesso (non ho partecipato perchè essendo sposata e abitando in provincia di Torino), sarebbe stato anti-economico concorrere.
    Grazie per aver commentato.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…