Passa ai contenuti principali

Italiani...in equilibrio sopra la follia?! Le nuove sfide dell'educazione.



"Cosa succede quando la crisi non è più l'eccezione alla regola, ma essa stessa regola nella nostra società?" (L'epoca della passioni tristi, 2003, M. Benasayag e G. Smith.)


Nell'Ospite inquietante Umberto Galimberti, guardava in faccia il nichilismo (la perdita di valore dei valori supremi), indicandolo come responsabile dei malesseri esistenziali giovanili. Adolescenti prigionieri di un volere che non trova meta, che preferiscono volere il nulla, piuttosto che non volere.
Nell'Intelligenza Emotiva, Daniel Goleman, da una finestra oltreoceano, racconta dei limiti dell'assenza di un'educazione emotiva, dell'incapacità di riconoscere le proprie emozioni, di controllarle, di sentire l'altro, relazionarsi adeguatamente confrontandosi dialetticamente, la capacità di motivare sè stessi ed essere resilienti.
Dati scientifici predicono che per i nati dopo il 1945 il rischio di andare incontro ad un grave episodio depressivo nel corso della loro vita è tripla rispetto alla possibilità che questo fosse per i loro nonni.

Su questo filone, Vi propongo un recente articolo del Censis, pubblicato su La Repubblica (6 giugno 2011) che descrive il malessere degli italiani, in balia di sè stessi: emerge un quadro che rappresenta individui fragili, che non riconoscono il valore delle regole, stimandole aggirabili. Pulsioni indomabili dominatrici, aggressività crescente e sullo sfondo la depressione.
http://www.repubblica.it/cronaca/2011/06/06/news/censis_aggressivit-17272806/

Condivido questo articolo senza alcuna intenzione di etichettare gli italiani, ma solo come spunto di riflessione, innanzitutto su noi stessi e con l'obiettivo di domandarci cosa può fare l'educazione per prevenire o contenere tutto questo.
Questo Paese, come molti altri, si sta confrontando con le insicurezze dell'epoca globale, con rapidi e imprevedibili cambiamenti, possibilità che paiono accessibile e lontane. Le persone in equilibrio precario smarriscono e si smarriscono.
L'educazione alle emozioni può aiutare a gestire questo scenario? Domandarsi il senso delle regole e riflettere sull'importanza del constollo di Sè, può modificare le cose?
Ora più che mai è tempo per tutti di investire nell'educazione e di domandarsi qual'è la sua importanza sociale. E' il momento che l'educazione aiuti gli individui a conoscersi e scoprirsi, non ad omologarsi, che insegni a identificare le proprie emozioni, a riconoscerle nell'Altro, per riflettere su alternative di comportamento e scoprire il valore del confronto. E' importante "che aiuti" a vedere l'Altro come una Persona, con Dignità e Valore, che non sta nel profitto realizzato, ma nella sua Esistenza. Credo che questa sia una della più importanti sfide che l'educazione debba affrontare in questi tempi.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Le Alpi (Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù).

Quando frequentavo la scuola elementare (molti anni or sono, aimè!) la maestra ci insegnò una buffa frase, per ricordare il nome delle Alpi: Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù.


Per divertirmi un pò, ho inventato questa filastrocca, dedicata a tutti i bimbi che stanno imparando a conoscere queste splendide montagne!



Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ma che freddo fa qua sù, qua su per la montagna è più fresco che in campagna!
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: un giro per le Alpi farai tu, non le scorderai mai, mai ora che il nome imparerai.
Marittime, non dimenticare, son le Alpi vicino al mare. Cozie, dal buffo nome gli abitanti mangian tome.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ora tu ne sai di più. Gaie e Pennine, da ricordare ci puoi andare a sciare.
Lepontine, alti monti per i laghi sono le fonti. Retiche, fresche montagne puoi raccoglier le castagne.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: per le Alpi viaggi tu. Carniche: Alpi Orientali per praticar sport invernali.
Giulie, dallo splendido nome fanno appassionar molte persone. …