Passa ai contenuti principali

1° MOVE SEMINAIO: "conoscere, comprendere e affrontare la Sindrome di Asperger". Un'iniziativa dello Gnomo ASPirino.


"Gradualmente, le persone con sindrome di Asperger imparano i codici della condotta sociale, grazie più a un’analisi cognitiva e alle istruzioni che all’istinto naturale. Devono pensare molto a quello che fanno. Di fatto, a volte si può vedere come il bambino abbia bisogno di tempo per pensare a quello che dovrebbe fare o dire; per la persona con sindrome di Asperger, è indispensabile pensare." Tony Attwood
....e lo Gnomo non si ferma mai! ;)

Ugo Parenti, che veste gli abiti dello Gnomo Aspirino, è un papà che si attiva al fine di far conoscere la Sindrome di Asperger (Disturbo Pervasivo dello Sviluppo), è creatore di un'interessante pagina web (http://www.gnomoaspirino.it/ ) dove è possibile reperire diverse informazioni e materiale riguardante questo Disturbo e sulla quale lo Gnomo pubblica le proprie iniziative.

Venerdì 3 e sabato 4 giugno 2011, presso il CENTRO POLIFUNZIONALE del comune di MONTEZZEMOLO, in provincia di CUNEO  http://www.montezemolomiele.it/HOME.html 
è previsto il 1° MOVE SEMINARIO dal titolo: "CONOSCERE, COMPRENDERE e AFFRONTARE LA SINDROME DI ASPERGER" con ISCRIZIONE GRATUITA, ma OBBLIGATORIA (entro il 31/05/2011), mandando una e mail a: eventimontezzemolo@alice.it

Durante il seminario prenderanno voce esperti del settore quali:
_G.Mario ARDUINO (psicologo, responsabile del centro autismo e sindrome di Asperger C.A.S.A. di Mondovì, ASL CN1): "Definizione di Sindrome di Asperger e strategie di intervento";
_Claudio BO (presidente AUTISMO HELP Cuneo Onlus, di Mondovì): "Problemi della vita quotidiana nel caso di un adulto con sindrome di Asperger";
_Enrico VALTELLINA (Filosofo): "Come le perone con sindrome di Asperger hanno riformulato il discorso sulle disabilità relazionali";
_Marco MASTINO: "Resoconto cinema autismo 2011";
_Pietro (vice-presidente del Gruppo Asperger Onlus): "La mia vita da Aspe";
_Paola SALVATORE (psicomotricista in consulenza con l'ASL TO3 ed Educatrice Professionale per il dipsrtimento di salute mentale dell'ASL TO1): "Luca- Percorso psicomotorio con un bambino autistico";
_Francesa VINAI (educatrice, pricologa del Centro Autismo e Sindrome di Asperger C.A.S.A. di Mondovì ASL-CN1): "Aspetti cognitivi ed interventi educativi nella Sindrome di Asperger".
_Stefania GOFFI (Referente Regionale per il Piemonte del Gruppo Asperger): "Il ruolo delle famiglie".

Sarà moderatore del dibattito Ugo PARENTI (Gnomo Aspirino).

Per un miglior servizio è prevista una navetta GRATUITA, dalla stazione F.S. di Ceva, CN.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Le Alpi (Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù).

Quando frequentavo la scuola elementare (molti anni or sono, aimè!) la maestra ci insegnò una buffa frase, per ricordare il nome delle Alpi: Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù.


Per divertirmi un pò, ho inventato questa filastrocca, dedicata a tutti i bimbi che stanno imparando a conoscere queste splendide montagne!



Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ma che freddo fa qua sù, qua su per la montagna è più fresco che in campagna!
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: un giro per le Alpi farai tu, non le scorderai mai, mai ora che il nome imparerai.
Marittime, non dimenticare, son le Alpi vicino al mare. Cozie, dal buffo nome gli abitanti mangian tome.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ora tu ne sai di più. Gaie e Pennine, da ricordare ci puoi andare a sciare.
Lepontine, alti monti per i laghi sono le fonti. Retiche, fresche montagne puoi raccoglier le castagne.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: per le Alpi viaggi tu. Carniche: Alpi Orientali per praticar sport invernali.
Giulie, dallo splendido nome fanno appassionar molte persone. …