Passa ai contenuti principali

La Pedagogia dei Genitori.


"...Scopri l'amore,
e fallo conoscere al mondo." Mahatma Gandhi

Quando in una famiglia è presente un bambino portatore di disabilità, i genitori devono coordinare la loro routine e vita familiare, convivendo con la presenza di altre figure, che operano cercando di perseguire il benessere del loro bambino.
Questa convivenza non è sempre semplice, talvolta i genitori si sentono relegati al margine, come non fossero proprio loro in prima persona a conoscere il figlio in una quotidianità colorata da mille sfumature, nel corso della quale il loro bambino mostra tutte le sue difficoltà, ma  nella quale è prima di tutto bambino e figlio.
Proprio dalla consapevolezza che il genitore foriero della propria "genitorialità" è una grande risorsa per il proprio pargolo, nasce e prende forma la Pedagogia dei Genitori.
J.S.Bruner,  uno dei più grandi psicopedagogisti del nostro tempo,  supera il modello di Skinner secondo il quale ad ogni stimolo corrisponde una risposta, perfeziona il modello di Piaget, che tra lo stimolo e la risposta introduce il soggetto con le sue peculiarità ed esperienze. E' proprio Bruner che sostiene l'importanza dell'adulto come mediatore e quale filtro migliore potrebbe esserci tra il bimbo ed il mondo se non il genitore?
Maturata questa consapevolezza, la genitorialità acquista una nova luce, non è più semplice cura del figlio, ma la famiglia del bambino con disabilità diventa risorsa anche per la comunità, perchè può condividere e narrare le proprie esperienze.
L'atto narrativo sposta il centro dell'attenzione su un novo tema: l'ascolto. Genitori che diventano formatori di educatori, personale docente o  sanitario, che deve saper ascoltare. Non un semplice udire, non sentire e poi dimenticare, ma ascoltare: cioè porgere attenzione a quanto viene detto, per comprendere, per saper vedere il bambino in una luce diversa. Non solo il soggetto portatore della disabilità, ma la persona.
Le narrazioni dei genitori sono racconti di vita di chi ogni giorno, in un continuum esistenziale, sente la  responsabilità del benessere del bambino, parole di chi percepisce il proprio figlio come "l'unico al mondo", parole che contengono la speranza di chi guarda verso il futuro con timore, ma anche con l'aspettativa fiduciosa che il futuro consenta dei progressi, nuove acquisizioni. Sono racconti che contengono la quotidianità, fatta di sorrisi, di carezze, di presenza.
In questo gioco di ruoli, in cui i terapisti diventano momentaneamente alunni e i genitori docenti, c'è tutta l'importanza della condivisione e della cooperazione, che consente di lavorare con coscienza.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…