Passa ai contenuti principali

Chi è Reuven Feuerstein?


A chi lo osserva per la prima volta, Reuven Feuerstein appare come un uomo imponente, con la barba bianca e lunga come quella dei saggi e dei patriarchi, porta in testa un inseparabile basco nero, ha l'aspetto rassicurante. Il suo cognome di origine tedesca significa pietra focaia, cioè pietra necessaria per produrre  scintille ed è quasi una profezia: Feuerstein è l'uomo che con le sue teorie fa scoccare una scintilla di speranza, perchè spiega che l'intelligenza non è fissa ed immutabile, ma un'entità dinamica che può essere potenziata.
Docente di Psicologia dell'Educazione presso l'Università di Bar di Tel Avive e professore presso il George Peabody college della Vanderbilt University di Nashville, in Tennessee, inoltre è il responsabile dei servizi psicologici dell'Organizzazione Aliya, per la gioventù israeliana, che aiuta i bambini orfani, abbandonati o caratteriali. In Israele dirige "The Feuerstein Institute" (ex ICELP, fondato nel 1992). Questo luogo rappresenta il cuore dell'attività di Feuerstein, dove si intrecciano ricerca, formazione, intervento terapeutico e sostegno ai soggetti cognitivamente svantaggiati e alle loro  famiglie.
La vita di Feuerstein è un percorso articolato e denso di esperienze dalle tinte forti, che ben spiegano la tenacia e la determinazione di quest'uomo. R. Feuerstein naque nel 1921, in un villaggio della Romania, da una numerosa  famiglia di rabbini. Apprese la lettura dai testi e all'età di tre anni era in grado di farlo in due lingue, mentre ad otto aveva già un allievo di quindici anni a cui insegnava a leggere le preghiere ebraiche. Prima dell'invasione nazista il prof. Feuerstein insegnò a Bucarest, presso i campi creati dai sionisti per preparare alla vita in Israele, fu proprio in questo periodo che Feuerstein iniziò ad interessarsi alla pedagogia e al potenziamento cognitivo dei soggetti con deficit. Nel 1938 la romania  fu assediata dala Germania nazista e Feuerstein fu internato in un campo di concentramento per circa nove mesi.
Tornato finalmente a Bucarest, potè riprendere gli studi che concluse anni dopo conseguendo la laurea in Psicologia presso il "Jean Jeaques Rosseau Institute" di Ginevra al fianco di Piaget e di Rey e con il dottorato presso la Sorbona di Parigi, nel 1970.
Nel 1944 Feuerstein fu arrestato e miracolosamente liberato dopo poche ore, quindi venne imbarcato verso Israele, dove si occupò dei bambini provenienti da tutto il mondo, scampati alle persecuzioni naziste. Qui ebbe modo di occuparsi anche dei bambini ebrei  provenienti dalla Libbia, dallo Yemen e dal Marocco e dei profughi etiopi, giunti grazie all'operazione "Mosè". "A contatto con questi bambini e adolescenti scampati alla persecuzione nazista ed affluiti in Israele da ogni parte del mondo, Feuerstein si convinse, che un intervento di recupero corretto deve prescindere dalla misurazione degli apprendimenti passati per valutare direttamente il potenziale intellettivo." (G. Bonansea, S. Damnotti, A Picco, 1996, Oltre l'insuccesso scolastico, SEI, Torino)
Negli anni '50 ogni abitante di Israele portava con sè una tragedia personale da superare, quindi Israele aveva il dovere di essere ottimista e credere che il proprio destino non fosse una condanna. Basandosi su questa convinzione F. costruì i propri fondamenti teorici, entrando a contatto con l'esperienza educativa del movimento Kibuttziano fondata sugli studi di M. Montessori, B. Otto, G. Wineken, riprendendo da Vigostkij la  teoria della modificabilità cognitiva  strutturale, avvicinandosi agli studi di Jung e di Piaget.
Alla luce di queste esperienze F. sviluppò una concezione dinamica dell'intelligenza, non definita dalla genetica, ma  frutto  dell'interazione tra il soggetto e l'ambiente  socio - culturale in cui vive e significativamente condizionata dalla qualità dell'insegnamento. Gli esseri umani sono sistemi aperti, la mente umana è plastica e per ciò le facoltà cognitive possono essere potenziate, ma per il conseguimento di questo scopo è necessario creare un ambiente attivo modificante, che non si lmiti ad accettare il soggetto portatore di handicap così com'è, ma si adoperi per renderlo autonomo e per far sì che il soggetto impari ad apprendere dall'esposizione diretta agli stimoli.
E' proprio sulla base di queste competenze che Feuerstein e la sua equipe hanno elaborato un programma  di valutazione dinamica del potenziale di apprendimento (L.P. A.D.) e una batteria di strumenti carta matita, per l'ampliamento strumentale (P.A.S.), adottato in molti Paesi al mondo e ne esiste  anche una versione Braille. 
Nel 1999, a Torino, il Dipartimento di Scienze dell'Educazione dell'Università di Torino, ha conferito all'insigne psicologo la laurea honoris  causa.

(Dalla tesi di laurea triennale in Scienze dell'educazione di Nadia Scarnecchia, materia Pedagogia Sperimentale: "La teoria della modificabilità cognitiva strutturale secondo Reuven Feuerstein", relatore Prof. R. Trinchero)

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Le Alpi (Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù).

Quando frequentavo la scuola elementare (molti anni or sono, aimè!) la maestra ci insegnò una buffa frase, per ricordare il nome delle Alpi: Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù.


Per divertirmi un pò, ho inventato questa filastrocca, dedicata a tutti i bimbi che stanno imparando a conoscere queste splendide montagne!



Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ma che freddo fa qua sù, qua su per la montagna è più fresco che in campagna!
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: un giro per le Alpi farai tu, non le scorderai mai, mai ora che il nome imparerai.
Marittime, non dimenticare, son le Alpi vicino al mare. Cozie, dal buffo nome gli abitanti mangian tome.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: ora tu ne sai di più. Gaie e Pennine, da ricordare ci puoi andare a sciare.
Lepontine, alti monti per i laghi sono le fonti. Retiche, fresche montagne puoi raccoglier le castagne.
Ma Con Gran Pena Le Re Ca Giù: per le Alpi viaggi tu. Carniche: Alpi Orientali per praticar sport invernali.
Giulie, dallo splendido nome fanno appassionar molte persone. …