Passa ai contenuti principali

BEN X (romanzo): leggere per “sentire”.


“Ricorda sempre che sei unico, esattamente come tutti gli altri.”
Anonimo

Nel corso del blog si è già dato spazio al tema della lettura e all'importanza che questa riveste nella prima infanzia come possibilità per rinforzare la relazione con l'adulto, come mezzo per lo sviluppo del linguaggio e per indurre rappresentazioni mentali, per esercitare la fantasia, il pensiero ipotetico e per la stimolazione di altre funzioni cognitive.
Con ragazzi più grandi la lettura può essere utilizzata da insegnanti ed educatori, come strumento per affrontare temi educativi, sui quali discutere ed impostare attività.
E' per questa ragione che oggi vorrei presentarvi un libro, un romanzo per la precisione, adatto ai ragazzi ed utile ed interessate anche per gli adulti, per affrontare insieme il tema della diversità:

BEN X, di Nic Balthazar.

Ben è un adolescente, ma è un po' diverso dai coetanei. Non è una diversità visibile, non ha un quoziente intellettivo basso, non ha disabilità evidenti, né delinque e differisce dai compagni nemmeno per il colore della pelle. La sua diversità è nel “sentire”il mondo, nella difficoltà di interazione con i coetanei, che stupidamente ne fanno l'oggetto di crudeli scherzi, perché a sua volta “sentono” e non “comprendono” la diversità di Ben, che convive con una forma di autismo marginale: la Sindrome di Asperger.
Il mondo di Ben è on line, è un mondo virtuale, fatto di video giochi e di musica nelle orecchie, per proteggersi dal mondo che cambia continuamente, perché costantemente cambiano le regole.
Ad un certo punto nella vita di Ben c'è una svolta che inizia in chat, con l'incontro inizialmente virtuale con Scarlite e trova quindi il compimento nel suicidio inscenato da Ben. La finzione della morte come possibilità di rinascita: un atto simbolico compiuto da Ben, per riuscir a far guardare oltre la diversità chi lo scherniva e forse per concedere a se stesso un'altra possibilità: “Non sono mai stato felice, ma non sono mai stato tanto felice”.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…