Passa ai contenuti principali

Metodo Feuerstein: come divenire applicatore P.A.S.


Vediamo insieme come si diventa applicarore P.A.S. e cosa significa.
Come già accennato il P.A.S. è il programma di arricchimento strumentale elaborato dal prof. Reuven Feuerstein. Tutti gli applicatori P.A.S. ricevono una formazione specialistica a cura di formatori che si sono specializzati durante i workshop organizzati da The Feuerstein Institute.
I corsi per applicatori si rivolgono a gruppi non superiori alle 20 unità.
In Italia la formazione al P.A.S. Standard avviene in tre livelli:
durante il primo livello si ricevono le nozioni relative alla pedagogia e ai criteri di mediazione, si apprendono i fondamenti teorici del metodo Feuerstein, ponendo l'accento sulla teoria della modificabilità cognitiva strutturale di Vygostij e sul concetto dell'area di sviluppo prossimale.  Si introduce la Carta Cognitiva e la nozione di funzioni cognitive carenti. Quindi vengono introdotti i primi strumenti (Organizzazione di punti, Orientamento Spaziale I, Confronti, PErcezione Analitica ed Immagini).
Durante i livelli successivi vengono insegnati altri strumenti: nel livello due (Confronti, Orientamento Spaziale II, Relazioni Famigliari, Relazioni Temporali, Istruzioni) e nel terzo livello (Sagome, Progressioni Numeriche, Sillogismi e Relazioni Transitive), poi si ritorna sui concetti introdotti antecedentemente.
Le lezioni di tipo frontale, alternano momenti teorici ad altri di tipo pratico. Al termine di ciascun livello viene  rilasciato un diploma abilitante. A distanza di un po' di mesi dal termine di ciascun livello vengono organizzate delle supervisioni, affinchè i neo-applicatori possano raccontare le proprie esperienze, perplessità e traggano vantaggio dal reciproco confronto.
Divenire un bravo applicatore non è cosa  facile, non basta conoscere le funzioni cognitive su cui si lavora, ma è necessario sviluppare una particolare sensibilità nella mediazione e nella scelta dei criteri più idonei per ciascun soggetto e per ogni contesto in cui si opera. Lo sviluppo di tale sensibilità è frutto della pratica e soprattutto della  volontà di compiere un percorso su di sè. Per modificare gli altri è d'obbligo modificare se stessi, il modo di stimolare l'apprendimento, la cooperazione, il saper vedere le cose da differenti prospettive e aver voglia di comunicare. Lo stesso mediatore durante la propria attività subisce un mutamento.
Nel nostro Paese ci si diploma applicatori P.A.S. di Feuerstein seguendo corsi organizzati da agenzie private autorizzate da The Feuerstein Institute.La prima istituzione pubblica italiana legata al Feuerstein Institute ha sede in Emilia Romagna: l'IRRE.
All'estero le cose vanno in modo diverso, per esempio in Francia la formazione al P.A.S. avviene presso dipartimenti ed istituti universitari, tra cui la stessa Faculté de Sciences de l'Education et Sciences Sociales.

Per avere avere ulteriori informazioni circa le opportunità di formazione e per ricevere stimoli circa il metodo  e le problematiche della disabilità, consiglio la visione del blog:
http://unmomentostopensando.blogspot.com/
della prof. Maria Luisa Boninelli, docente in lingue e letterature straniere, specializzata nelle attività di recupero e potenziamento cognitivo. Formatrice ed Applicatrice  del metodo, facente parte del gruppo di Studio e Ricerca del Centro Studi Feuerstein (Direttore del centro Prof.re Mario Di Mauro) del Centro Interateneo per la ricerca didattica e la formazione avanzata-Università Cà Foscari di Venezia.

(Ringraziando Nicoletta Costa per i sui splendidi disegni).

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…