Passa ai contenuti principali

Il Metodo Feuerstein: potenziamento cognitivo.


Il metodo Feuerstein è spesso noto per il P.A.S (Programma di Arricchimento Strumentale), ma i nuclei fondamentali del metodo sono la pedagogia della mediazione e la teoria della modificabilità cognitiva strutturale. Si parla di modificabilità delle strutture cognitive, per indicare che la mente unama è plastica, cioè plasmabile e l'educazione e gli apprendimenti possono modificare le connessioni sinaptiche (cioè i collegamenti tra le cellule del cervello, dette neuroni) e modificarne la chimica.

La pedagogia della mediazione, si basa sulla figura del mediatore, ossia di colui che si interpone tra lo Stimolo ed il Soggetto che apprende e tra il Soggetto e la Risposta. Il mediatore deve essere sempre l'uomo ( H= sta per Human), non è sostituibile dal personal computer, poichè il pc non è in grado di tener conto delle "sfumature", come gli stati d'animo e le emozioni del discente, che invece sono importantissimi nel processo d'apprendimento. Questo è lo schema:
Stimolo - H - Soggetto - H - Risposta.


Il mediatore MEDIA in base a dei CRITERI (di mediazione) per l'appunto. I criteri sono 12, i fondamentali che non devono mai mancare, sono i primi tre:
a. Intenzionalità e Reciprocità, intenzione di stabilire un contatto col soggetto e l'interazione che si crea tra mediatore e mediato;
b. Trascendenza, ogni input del mediatore apre la mente a dimensioni più ampie, nello spazio e nel tempo;
c. Mediazione del significato, arricchisce il contenuto della mediazione insegnando al soggetto a dare un SIGNIFICATO a ciò che fa o apprende.

Il METODO
è costituito da 3 sistemi applicativi:

1. l'LPAD: programma per la valutazione dinamica del potenziale d'apprendimento.Aiuta a comprendere di che tipo di mediazione il soggetto abbia bisogno e a rilevare se ne sappia trarre beneficio. Consente di comprendere in quale momento dell'atto cognitivo siano i deficit: se in input (raccoglimento dati), in elaborazione dati o output (la risposta, il prodotto).
2. il PAS: costituito da strumenti carta - matita, ha utilità pedagogica, perchè potenzia le capacità cognitive. Con l'ausilio del mediatore stimola la metacognizione ed aiuta il soggetto a sviluppare un'immagine positiva di sè.  Il PAS ha 3 livelli standard e 2 livelli basic.
3. modellamento di AMBIENTI MODIFICANTI: aspetto importantissimo, conditio sine qua non, che consiste nello strutturare l'ambiente (non solo fisico, ma il contesto di vita del soggetto mediato), perchè accresca la capacità della persona di "imparare ad imparare".

L'LPAD, consta anche di un livello Basic, per soggetti in età prescolare o con Q.I. molto basso.

Il PAS senza pedagogia della mediazione è "nullo" (perchè trae forza dal processo di attenta e sensibile mediazione). La pedagogia della mediazione applicata ad altro (esempio compito scolastico, nuovo apprendimento) senza PAS è comunque una valida risorsa, che consente la metacognizione.

BIBLIOGRAFIA:

1. Bonansea, Damnotti, Picco, 1996, Oltre l'insuccesso scolastico; SEI; Torino;
2. Damnotti, 1993, Come si può insegnare l'intelligenza, Lisciani e Giunti Ed., Teramo;
3. Feuerstein, Krasilowsky, Rand; La modificabilité pedant l'adolescence: aspects theoriques et donneés empiriques; HWCRI, Gerusalemme, traduz. italiana M.RE;
4. Feuerstein, Randt, Feuerstein in collaboraz. con Laniado e Petra, 2005, La disabilità non è un limite. Se mi ami costringimi a cambiare, Liberi, Firenze;
5. Feuerstein, Rand, Rynders, 1995, Non accettarmi come sono, Sansoni Editore, Milano;
6. Kopciowski J., 2007, Migliorare se stessi per ottenere di più. Riflessioni teoriche e proposte operative secondo il pensiero di Reuven Feuerstein; KOINE', Centro Interdisciplinare di Psicologia e Scienze dell'Educazione di Roma;
Sitografia utile per chi desidera avvicinarsi al metodo:
  • www.icelp.org ("The Feuerstein Institute", ex ICELP, è in Israele ed é il centro dove lavora Feuerstein con la sua equipé e dove fanno ricerca).
  •  http://unmomentostopensando.blogspot.it/

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…