Passa ai contenuti principali

Il brain training fa divenire " più intelligenti " ?


Attualmente in commercio sono disponibili molti programmi di brain training, costituiti da giochi di logica e esercizi di matematica, proprosti come strumento per migliorare le capacità cognitive, la memoria a breve termine e la concentrazione. Secondo alcune  fonti web, il brain training avrebbe molti meriti, tra cui: aumentare il flusso di sangue nella corteccia prefrontale e prevenire il rischio di malattie degenerative come l'Alzheimer.
Per comprendere la veridicità del "fenomeno" brain training, un gruppo di ricercatori di Cambridge hanno condotto una sperimentazione, ponendosi il problema della generalizzazione degli apprendimenti. L'esito della sperimentazione pare non abbia dimostrato un miglioramento generalizzato delle funzioni cognitive.
Proviamo ad ipotizzare perchè degli esercizi di logica reiterati nel tempo non sono in grado di produrre il miglioramento degli apprendimenti e una modificazione strutturale del funzionamento cognitivo.
Quando si parla di modificabilità cognitiva strutturale, si vuole esprimere un cambiamento nel pensiero dell'individuo, che non riguarda un solo settore in particolare, ma che si ripercuote anche in altre aree, diverse da quelle inizialmente stimolate. E' importante tener conto che una modificazione strutturale si perpetua nel tempo in maniera autonoma, come una sorta di "effetto domino".
Gli esercizi per potenziare la mente, senza un'adeguata mediazione, ossia senza l'intervento di una persona che tenga conto dei bisogni del soggetto, delle sue esperienze e dei suoi stati emotivi non hanno molto significato, se non quello di un esercizio di "mantenimento" fine a se stesso.
Vygotskji, illustre psicologo sovietico, introducendo il concetto di potenziale di sviluppo, esprime proprio la differenza esistente tra gli apprendimenti del soggetto direttamente esposto agli stimoli e quanto, invece, l'individuo riesce ad apprendere, se adeguatamente guidato da un mediatore sensibile ed esperto. L'intervento del mediatore umano fa la differenza, perchè aiuta il soggetto a modificare l'approccio, il punto di vista, a trovare nuove strategie, a controllare l'impulsività, a migliorare il comportamento esplorativo, ad ampliare il lessico e quindi a generalizzare gli apprendimenti. Nemmeno l'intervento di un pc programmato come mediatore può avere il medesimo valore, perchè il pc non ha la sensibilità umana, non è empatico, quindi tra pc e discente non può crearsi una relazione di reciprocità e un'affettività, necessarie in un processo di educazione/apprendimento (basti pensare alla struttura del sistema limbico ed alle sue funzioni: emotività ed apprendimento si sviluppano in aree affini: amigdala, per le emozioni ed ippocampo per memoria ed apprendimento).
Il pc segue la logica, ma non conosce le sfumature, che invece fanno la differenza.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

Cosa fa un educatore socio-culturale?

Vorrei condividere con tutti i lettori quest'interessante spiegazione concernente la professione dell'educatore socio-culturale (tratta da: Atlante delle professioni _ Informalavoro, Torino. http://www.comune.torino.it/lavoro/num18_10/06.htm), perchè dal confronto con colleghi, abbiamo inteso che non è chiaro per molti, quale sia il nostro ruolo e  in che ambito possiamo lavorare. 
E' una professione che consente di mettersi in gioco, di crescere, di scoprire proprie mancanze, molto gratificante e certe volte difficile. Una PROFESSIONE a tutti gli effetti.

Continua la presentazione delle schede dei profili professionali descritte nell'Atlante delle Professioni
Chi è?L’educatore socio-culturale promuove la crescita personale, l’inserimento e la partecipazione sociale, accompagna i gruppi, le comunità e le singole persone a sviluppare le potenzialità ludiche, culturali, espressive e relazionali. Tra gli aspetti caratterizzanti la sua attività vi sono: l’ideazion…