Passa ai contenuti principali

L'importanza di preparare una torta con i bambini.



Giulia mescola con la frusta.

Inforniamo.

La torta di Lallo.


Preparare una torta con i bambini è un'attività veramente alla portata di tutti, un momento di gioia che unisce grandi e piccini.

Perché fare una torta con i bambini? 

La relazione: donare il tempo è un dono d'amore ed è un atto di cura.
Nel fare qualcosa insieme si crea la reciprocità necessaria per un'azione educativa efficace. 


La sfera emotiva: il bambino a cui il genitore dedica tempo di qualità si sente amato.
Creare con le proprie mani una cosa buona condiziona positivamente l'autostima, stimola le autonomie e con una buona mediazione crea il senso di competenza (il bambino sa fare e sente di saper fare).

Aspetti cognitivi: in un certo senso fare la torta è come svolgere un compito, ma un compito bello e buono, con una gustosa motivazione intrinseca.

Insieme si leggono gli ingredienti. Una volta letti gli ingredienti bisogna disporli sul tavolo e verificare di avere tutto. Quindi si conta, si confronta, si struttura.
Verificato di avere tutto, si legge il procedimento (le istruzioni! ). Si preparano gli utensili necessari, si pianifica, si allena la memoria procedurale, la successione temporale e la capacità di problem solving.

Lavorare con le mani, allena la motricitá fine: aprire i barattoli, mescolare.
Si allena la coordinazione mano occhio nel travasare.

I bimbi più grandi sperimenteranno concretamente le unità di misura e la loro importanza nella vita pratica: se si sbaglia, la torta non riesce bene, quindi bisogna essere molto precisi con kg, etto, litri, etc...

È un'occasione per fare scienze: mia figlia mi chiedeva, perché dovessimo mettere sempre il lievito. Potete quindi formulare ipotesi, invece di fornire risposte: "osserva bene cosa avviene alla torta nel forno? Cambia l'aspetto e in che modo? Secondo te perchè cresce? Se non avessimo messo il lievito cosa sarebbe accaduto? Magari la prossima volta prepariamo un dolce senza lievito, così possiamo verificare se ci sono differenze".

Il vostro modo di porvi (la distanza e l'intensità della mediazione) cambierà in base al bambino, alle sue risposte,all'età.

Dopo aver scritto tutto questo, vorrei precisare che preparare una torta è una delle possibili attività da fare insieme per rinforzare la relazione e conseguire gli obiettivi sopra citati, ma se non amate cucinare o  vostro figlio non ama i dolci, non rammaricatevi, troverete sicuramente altre occasioni. 

Si impara se ci si diverte, dev'essere una bella opportunità per tutti, non un obbligo!

Commenti

Post popolari in questo blog

"Cortocircuiti emozionali." Spiegati dalla dottoressa Daniela Lucangeli

Condivido questo meraviglioso video, in cui la Professoressa Daniela Lucangeli, spiega i cortocircuiti emozionali, perchè nel mio piccolo credo profondamente nella "scienza servizievole".

Sin da bambina ho sempre amato imparare, ogni nuovo apprendimento mi pareva la conquista di una ricchezza, un tesoro, ma l'ansia, la paura  per me son sempre state in agguato e quindi fino al giorno della tesi (e ne porto i segni ancora ora), ho sempre studiato con la paura di sbagliare, col timore di non essere all'altezza e le mie emozioni mi hanno spesso portato verso l'evitamento o la fuga dal compito.

Proprio per questa ragione invito tutti gli educatori (che siano professionisti del settore o genitori, nonni) ad ascoltare quanto ci insegnano le neuroscienze e l'epigenetica e a sforzarsi di comprendere quanto sia importante trasmettere emozioni positive al bambino che apprende, insegnare a non temere l'errore, ma a considerarlo un punto di partenza per fare meglio …

Le cornicette.

Ricordo ancora con piacere quando al termine dell'esercizio decoravo la pagina con una bella cornicetta, al tempo per me disegnare cornicette era semplicemente un atto divertente, creativo e rilassante.
In realtà tracciare cornicette per un bambino che sta terminando la scuola materna o che frequenta i primi anni della scuola elementare, può essere una risorsa per allenare non solo la creatività, ma per affinare la coordinazione mano occhio e alcuni aspetti cognitivi.
Vediamo insieme come mai la cornicetta è una risorsa...


Per riprodurre una bella cornicetta, bisogna imparare ad osservare bene il modello: esplorarlo sistematicamente, identificarne la forma e le caratteristiche. Quindi è necessario riprodurre il modello, ma a questo fine si deve prima organizzare lo spazio (ossia i quadretti necessari), pianificare, comprendere quante righe tracciare, che orientamento dare alle righe (orizzontale, verticale, obliquo), individuare se si tratta di linee dritte o curve. La cornicetta…

I giochi dei bambini della Roma antica.

"Fammi giocare solo per gioco
Senza nient’altro, solo per poco
Senza capire, senza imparare
Senza bisogno di socializzare
Solo un bambino con altri bambini
Senza gli adulti sempre vicini
Senza progetto, senza giudizio
Con una fine ma senza l’inizio
Con una coda ma senza la testa
Solo per finta, solo per festa
Solo per fiamma che brucia per fuoco
Fammi giocare per gioco."


diBruno Tognolini, "Diritto al gioco".


In questo blog, talvolta è stato trattato il tema del gioco, parlando dell'importanza che  questo ha per lo sviluppo emotivo, cognitivo, fisico e relazionale del bambino.
I cuccioli di ogni spece imparano e sperimentano attraverso il gioco, così anche i cuccioli d'uomo hanno sempre dedicato  tempo ed inventiva a questa attività.
Per questa ragione Vi invito alla lettura del seguente articolo, che affronta il tema del gioco dei bambini nell'Antica Roma (il link è tratto da: http://piccolituristi.turismoroma.it/index.php/pagine/indice/it , un belliss…